Cerca

Sparano al cuoco per un conto troppo salato

Arrestati due giovani nel napoletano. Sono accusati di tentato omicidio, porto abusivo di arma da fuoco, spari in luogo pubblico e ricettazione

Sparano al cuoco per un conto troppo salato
Si è trasformata in rissa e poi in sparatoria un tranquillo pranzo tra amici al ristorante. E' successo ieri a Somma Vesuviana, nel locale Tre pizzi di via Trentola, dove a scatenare l'ira di due giovani di 19 e 20 anni è stato un conto troppo salato. Una discussione accesa tra clienti e ristoratore è degenerata in una rissa in cui sono rimasti coinvolti anche i carabinieri. I due avventori più violenti sono poi ritornati nel locale armati di pistola e hanno ferito il cuoco, Carlo Secondulfo, 37 anni, fuggendo infine a bordo di una Porsche Cayman rubata. La vittima è stata soccorsa e trasportata presso l’ospedale di Nola dove gli sono state riscontrate una ferita di arma da fuoco al fianco e un trauma al gluteo.

Nel corso del sopralluogo, i carabinieri hanno sequestrato due bossoli calibro 7,65, un bossolo calibro 9 e due ogive deformate. Sono state inoltre acquisite alcune immagini del sistema di video sorveglianza del locale utili per l’identificazione dei due clienti armati.
D.P., incensurato, e A.P., 20enne già noto alle forze dell’ordine si trovano ora ai domiciliari, accusati di tentato omicidio, porto abusivo di arma da fuoco e munizioni, spari in luogo pubblico e ricettazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fonty

    fonty

    05 Settembre 2010 - 11:11

    Ah beh, si beh, cose che succedono.....a Napoli naturalmente, da non farci caso.

    Report

    Rispondi

  • Al-dente

    03 Settembre 2010 - 17:05

    L'episodio sarebbe divertente se non avesse avuto conseguenze tragiche e sconfinanti nel reato. Penso che d'ora in poi i ristoratori ci penseranno due volte prima di presentare un conto troppo salato. Chissà quanta altra gente avrebbe o vorrEbbe comportarsi come i due scalmanati contro simili truffe ed eccessi da parte di ristoratori senza più il senso della misura.

    Report

    Rispondi

  • blues188

    03 Settembre 2010 - 16:04

    Da Napoli sempre ottime notizie. Quasi ci abbiamo fatto il callo.. Comm'è bella a città e Pulcinella, cantava recentemente una ministra carina.. Ma com'è che per un omicidio il tipetto che ha mal di schiena per lavorare ma che ha però la forza per sparare agli altri, è ai domiciliari? Mio figlio ha preso una multa per velocità eccessiva (140 in autostrada) e si è beccato quasi mille euro di multa. Se faccio le proporzioni sui due delitti al tipo napoletano, che non pare un operaio con la schiena rotta dalla fatica, dovrebbero tagliare mani e piedi. Almeno mandiamolo in Libia o in Iran, laggiù hanno argomenti più seri dei nostri per convincere questi piccoli mostri.

    Report

    Rispondi

blog