Cerca

Omissione di soccorso a un cane, pensionato multato per 389 euro

Merito della riforma del codice della strada. L'uomo ha investito un bastardino, che dopo poche ore è morto

Omissione di soccorso a un cane, pensionato multato per 389 euro
La riforma del codice stradale ha coinvolto anche i migliori amici dell’uomo. Dal 13 agosto, infatti, è entrato in vigore il principio secondo cui anche gli animali hanno diritto di soccorso.

Forse non lo sapeva il pensionato sessantenne che questa mattina ha investito un cane meticcio di nome Rocky a Legnaro, vicino a Padova. L’uomo, pur essendosi accorto di aver travolto l’animale con la sua Mini Cooper, non l’ha aiutato e il povero Rocky è morto dopo poche ore. Il padrone e alcuni passanti sono però riusciti a prendere il numero di targa del pensionato e han fatto denuncia ai carabinieri.

Gli agenti hanno identificato e sanzionato l’uomo con una multa di 389 euro. Tanto, ma poteva andare peggio. In base all’articolo 189/bis del nuovo codice della strada, la pena pecuniaria può arrivare a 1.559 euro. Attenzione però perché anche se si è coinvolti in un incidente, non si è i diretti responsabili dell’investimento ma non si presta soccorso agli animali feriti, si rischiano comunque multe da 78 a 311 euro. La legge riconosce inoltre "lo stato di necessità" per il trasporto di animali in gravi condizioni. Chi, portandoli urgentementea un ambulatorio veterinario, dovesse violare le norme stradali, non verrà quindi sanzionato.

L’attenzione verso gli amici a quattro zampe introdotta dal nuovo codice della strada è stata fortemente voluta dal Lav per combattere l’abbandono degli animali sulle strade. “La tutela degli animali - ha detto Gianluca Felicetti, Presidente della Lav  - acquisisce nei fatti un nuovo tassello per il suo riconoscimento, non solo a parole”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • elmar

    01 Giugno 2014 - 20:08

    Se dovessi investire un cane, col cavolo che lo porto dal veterinario che non so neanche dove sia, mi farebbe senso e avrei paura toccare un animale ferito, potrebbe mordermi, avere la rabbia o altro, io chiamo il 118 che se la sbrigano loro dato che hanno gli stessi diritti dell'uomo, e io amo gli animali, ho cani e gatti ma quando è troppo è troppo, assurdo!

    Report

    Rispondi

  • PatrizioLibero

    12 Gennaio 2012 - 23:11

    il codice dice di soccorrere uomini e cani, che tanto sono uguali, vero? Puniamo l'uomo che non ha soccorso un cane, che i cani hanno gli stessi diritti degli uomini. Però se a quei giudici, o a lei, angydust, io dessi del "cane" si offenderebbero. Se vuole possiamo dire che lei, angydust, è il miglior amico dell'uomo, non si offenda, come ha scritto lei, fra uomini e cani differenza non c'è...vergogna!

    Report

    Rispondi

  • angydust

    24 Novembre 2010 - 19:07

    ignoranti nel senso che ignorate i fatti e con mio dispiacere le leggi. Basta anche solo un pò di buon senso per capire che il codice della strada impone di prestare soccorso agli animali come alle persone nella misura in cui se voi investite qualcuno non è che vi mettete a rianimarlo, il prestare soccorso significa chiamare il 118 e le autorità. Alla stessa maniera vale per gli animali, certamente non dovrete provare a rianimarli, ma semplicement sarete OBBLIGATI a chiamare soccorso. Come? Semplicemente chiamando i vigili o la Asl veterinaria del luogo. Vi sembra complicato? A me no e soprattutto E' UN GESTO CIVILE. Altra questione rigurarda l'animale che vaga incustodito, anche per questo comportamento è prevista (giustamente) una sanzione. Se investissero vostra mamma sareste felici che la lasciassero agonizzante sull'asfalto? Si tratta di civilità. Arrivederci e buonasera, zoticoni.

    Report

    Rispondi

  • Al-dente

    04 Settembre 2010 - 15:03

    Amo gli animali, soprattutto i cani ma le leggi bisogna farle anche con un pò di cervello. Sono d'accordo che nei limiti del possibile si debba aiutare l'animale investito ma si dimentica che l'animale non è una persona e in situazioni estreme si affida all'istinto di conseguenza potrebbe reagire contro chi tenta di aiutarlo, dato che non è in grado di comprendere l'aiuto come fa solitamente una persona. Inoltre che ci faceva in mezzo alla strada un animale senza il padrone che lo tenesse a bada, mettendo a repentaglio la vita e il mezzo non solo di chi lo ha investito ma anche di eventuali terzi che potevano essere coinvolti? Va bene punire entro certi limiti l'indifferenza dell'investitore ma anche la trascuratezza del proprietario va punita.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog