Cerca

Tar: "Stop all'aumento dei pedaggi in tutta Italia"

Vittoria del "Movimento difesa del cittadino" che aveva fatto ricorso contro le modifiche in Finanziaria

Tar: "Stop all'aumento dei pedaggi in tutta Italia"
Nessun aumento: i pedaggi autostradali continueranno a costare uguali in tutta Italia. A stabilirlo è la sentenza del Tar del Lazio. Il 1 settembre, il Consiglio di Stato aveva respinto il ricorso, presentato dalla Presidenza del Consiglio e dall'Anas, contro la decisione con cui il Tar Lazio aveva accolto favorevolmente la richiesta di sospensiva degli aumenti, avanzata dalla provincia di Roma e da quella di Rieti. E, ora, di fatto, la nuova decisione allarga quanto stabilito in quella data dal Consiglio di Stato che, pur avendo allora bloccato gli aumenti, aveva precisato che lo stop non sarebbe stato valido per tutta l'Italia, bensì solo per i territori della provincia di Roma, Rieti e Pescara che avevano presentato l'istanza.

Oggi è finalmente arrivata la vittoria per il "Movimento difesa del cittadino" che aveva chiesto la sospensione del decreto con cui sono stati individuati i caselli dove doveva applicarsi la maggiorazione tariffaria prevista dalla Finanziaria. I giudici amministrativi, in un'ordinanza di poche righe, hanno quindi comunicato che "viste le precedenti ordinanze cautelari, adottate da questo Tribunale, confermate in sede di appello, hanno ritenuto di confermare, anche ai fini del presente provvedimento, le motivazionì precedenti".

"La sentenza con cui il Tar del Lazio ha esteso a tutta l'Italia lo stop agli aumenti dei pedaggi autostradali conferma ancora di più la necessità da parte del Ministero delle Infrastrutture di rinegoziare con la società Autostrade il canone di concessione della nostra rete autostradale" ha affermato il Sindaco di Roma, Gianni Alemanno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • julio44

    05 Settembre 2010 - 11:11

    L'ennesima prova che l'Italia non viene governata dal Parlamento ma dalla Magistratura.Giusta o sbagliata che sia la legge emanata dal Parlamento non sono i giudici a giudicarla ma i cittadini con il voto.

    Report

    Rispondi

  • MAD

    04 Settembre 2010 - 14:02

    ...cosa dicevate riguardo al TAR? Adesso spero abbiate l'umiltà di riconoscere che hanno "fatto un favore" a tutti i cittadini con la loro sentenza, alla faccia della vostra faziosità...

    Report

    Rispondi

blog