Cerca

Casa di Montecarlo, a breve i documenti a Roma

Le autorità monegasche risponderanno alla rogatoria sollecitata dalla procura capitolina

Casa di Montecarlo, a breve i documenti a Roma
A breve le autorità di Montecarlo risponderanno alla rogatoria sollecitata dalla procura di Roma sulla compravendita della casa, al centro dello scandalo che ha coinvolto il presidente della Camera Gianfranco Fini e il cognato Giancarlo Tulliani. Nei prossimi giorni dovrebbero arrivare nella Capitale i documenti sulla vendita della casa di Boulevard Princesse Charlotte da parte di An a una società offshore con sede ai Caraibi e poi a una finanziaria con sede alle Antille, nonché il contratto d'affitto sottoscritto da Tulliani.

L’auspicio del procuratore Giovanni Ferrara e dell’aggiunto Pierfilippo Laviani è che le carte di Montecarlo possano essere a piazzale Clodio prima dell’audizione del senatore Francesco Pontone, ex tesoriere di An, fissata per il 14 settembre. Molto dei prossimi passaggi investigativi dipenderà dalla testimonianza del parlamentare che ha curato l’atto di vendita dell’abitazione, frutto del lascito della contessa Anna Maria Colleoni.

Gli inquirenti sentiranno poi l’ex tesoriere Donato Lamorte e Giancarlo Tulliani, ultimo inquilino ad occupare la casa.
Almeno per il momento, il fascicolo aperto per truffa aggravata resta ancora contro ignoti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fdrebin

    10 Settembre 2010 - 20:08

    non faccia cosi'. Quel signore ha fatto solo il suo mestiere. E il fatto che anni dopo gli abbiano archiviato decine e decine di inchieste a Brescia dovrebbe significare qualcosa. Poi saranno anche spariti i partiti (magari perche' gli iscritti rubavano??) tranne pochi (anche AN e Lega si sono salvati), ma le stesse facce si ripropongono da 15 anni. Forse quei pochi che si sono salvati li hanno denunciati, ma era tutto coperto da amnistia, non hanno trovato "la pistola fumante" e soprattutto nessuno dei grandi papaveri (Occhetto, D'Alema etc.) ha confessato. Vogliamo mica estorcergli le confessioni con la tortura? Lei ha una vaga idea a Milano (metropolitana milanese) e a Torino (Centro commerciale Le Gru di Grugliasco, di proprieta' di B. guardacaso) quanti esponenti del PCI-PDS sono stati arrestati e condannati per mazzette? Sempre troppo pochi, daccordo, ma cosa si poteva fare ancora? Poi lo sappiamo che tra il '96 e il 2001 hanno contribuito a sfasciare la giustizia...

    Report

    Rispondi

  • peroperi

    10 Settembre 2010 - 16:04

    oramai è passato troppo tempo ed elisabetto ha avuto tutto il tempo di andare alle Cayman e ritornare per pasticciare ed imbrogliare le carte. GFP

    Report

    Rispondi

  • allequattro

    10 Settembre 2010 - 15:03

    ....due paroline sulla Parentopoli in Piemonte.....????

    Report

    Rispondi

  • Dream

    10 Settembre 2010 - 15:03

    fondi neri a quale partito?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog