Cerca

I sindaci più amati sono Renzi, Tosi e Alemanno

Nella classifica dei primi cittadini guadagnano una buona posizione anche Chiamparino e Vallone. La Moratti, al 27esimo posto, è la prima donna

I sindaci più amati sono Renzi, Tosi e Alemanno
Appartengono a due schieramenti opposti, uno del Pd e l'altro della Lega, eppure il fiorentino Matteo Renzi e il veronese Flavio Tosi sono i sindaci più amati dagli italiani. Lo rivela l'indagine Monitor Città di Fullresearch, che anche nella tredicesima edizione non manca di riservare alcune sorprese. Il sindaco toscano balza dal 15mo posto, alla vetta della classifica, con il 66,8 per cento di consensi e un +6,3 rispetto al dicembre 2009. Anche il primo cittadino di Roma, Gianni Alemanno, in sei mesi scala la classifica partendo dal 22mo e arrivando terzo e registrando un consenso pari al 64,2 per cento e un +5,7 a pari merito con il sindaco di Torino, Sergio Chiamparino, che perde l’1,8. Al secondo posto ancora un ex aequo: con il 65,9 per cento delle preferenze salgono sul podio il sindaco di Verona, stabile rispetto allo scorso dicembre, e Peppino Vallone primo cittadino di Crotone che invece guadagna una posizione. La prima donna in classifica è Letizia Moratti, sindaco di Milano, al 27mo posto, con un gradimento del 55 per cento.

Il dato medio nazionale, calcolato sul livello di soddisfazione espresso dai cittadini sull'operato dei sindaci di tutti i comuni capoluogo italiani, è rimasto quasi invariato, passando dal 54,7 per cento all’attuale 54,8 per cento. Nella speciale classifica dei sindaci, sono 40 coloro che superano la soglia del 55 per cento di gradimento di cui 22 di centrosinistra e 18 di centrodestra, 18 del nord, 5 del centro e 17 del sud.
Diversi i risultati per quanto riguarda il gradimento dei servizi delle grandi città: tra i primi 20 posti non si vede un comune meridionale. In testa si conferma ancora una volta Bolzano con il 76,6 per cento. Trento è al secondo posto con il 69,6 per cento e Parma si attesta in terza posizione con il 66,5 per cento.

L’indagine è stata realizzata tra il 19 aprile e il 15 luglio. Il campione di 81.800 interviste, rappresentativo della popolazione italiana maggiorenne, è stato stratificato per ciascun comune, secondo i criteri di sesso ed età e realizzata attraverso interviste telefoniche con metodologia Cati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Odescalchi

    24 Ottobre 2010 - 13:01

    Purtroppo l'attività di un sindaco è condizionata dal sistema politico e dai politicanti. Molti altri sindaci lamentano di non poter fare niente perchè impediti dal sistema. Quelli bravi come quelli citati fanno, operano, guardano e poi agiscono sempre che la giunta sia daccordo eccetera. Il Sindaco dovrebbe avere competenze e capacità ,il budget e le responsabilità di un Manager di una grande e complessa impresa, tipo Marchionne o altri simili, per intenderci. Ci sono un sacco di cose da fare nelle nostre città. Non ho speranza che un tale modello sia realizzabile sull'italico stivale. Il duo Cota/Chiamparino ad esempio è gradito in generale, sono di colore politico diverso ma con idee convergenti su tanti punti. Gente che preferisce fare le cose. questo duo è politicamente inaccettabile. Prima la politica ed i partiti, poi il resto.

    Report

    Rispondi

  • schnee

    16 Settembre 2010 - 18:06

    Da veronese posso dire che la città è cambiata in meglio con Tosi.I preti se ne stanno più tranquilli e lui pulisce e ripulisce il sordido della città.E' amato e rispettato per la sua dialettica da uomo comune,ma preparato sui vari fronti,nemmeno uno come Santoro è riuscito a chiudergli la bocca.Ricordo i tempi della Sironi e di Zanotto,altra cosa con tante chiacchiere,tanta melassa,ma una città più invivibile.Seppur non come Gentilini,è uno sceriffo che rispetta e fa rispettare l'ordine e da cittadino mi sento più tutelato.

    Report

    Rispondi

  • portieredinotte

    16 Settembre 2010 - 08:08

    Tosi è uno tosto, parla diretto, non il solito politichese da consiglio comunale, agisce e pare la mattina alle 6.00 esca da casa per verificare se i signori della cooperativa, spazzano il liston e zone limitrofe. Sa di essere amato e rispettato dai suoi cittadine e quindi si può permettere di uscire tranquillamente con la famiglia a mangiare una pizza. Renzi (anche se sinostroide) lo si apprezza che la schiettezza. Alemanno...non saprei.

    Report

    Rispondi

  • peroperi

    15 Settembre 2010 - 22:10

    Non è vero caro amico, questi due sindaci sono la dimostrazione che in italia ci sono persone che rappresentano esattamente il pensiero dei cittadini. Se dipendesse da me li assocerei e mandarei a spasso tutti gli altri, non per fare il sindaco ma i presidenti del consiglio in abbinata. L'Italia ha bisogno di risorgere dalla melma e loro due insieme, a mio avviso, potrebbero farcela. GFP

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog