Cerca

Promosso il collaudo dei certificati medici telematici

Passo avanti nell'informatizzazione predicata dal ministro Brunetta. Sistema a regime entro il 31 gennaio 2011

Promosso il collaudo dei certificati medici telematici
Come detto dallo stesso Silvio Berlusconi dal palco di Atreju 2010 la strada per arrivare alla banda larga e all’informatizzazione di tutte le procedure della pubblica amministrazione è ancora lunga. Tuttavia un primo successo il ministro Renato Brunetta se l’è portato a casa.
È terminato oggi, infatti, il collaudo del sistema di trasmissione telematica dei certificati di malattia, previsto dalla "Circolare Brunetta" n. 1 dell’11 marzo 2010 e che ha riguardato 15 milioni di lavoratori dipendenti sia del comparto pubblico che di quello privato.
Un primo passo verso l’eliminazione del certificato cartaceo, quindi, un’operazione che, secondo le stime del governo, permetterà un risparmio di circa 500 milioni di euro: attualmente i certificati emessi sono dai 150 ai 200 milioni all’anno, il cui costo per privato cittadino e pubblica amministrazione è di circa 10 euro.
I sei mesi di sperimentazione sembrano aver confermato la fattibilità del passaggio al sistema informatico.
La Commissione (composta da rappresentanti del Dipartimento per la digitalizzazione della PA e del Dipartimento per la Funzione pubblica della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero della Salute, del Ministero dell’Economia e delle Finanze, dell’INPS, dell’INPDAP, della FNOMCeO e della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome) si è infatti espressa positivamente all’unanimità rispetto al completamento di tutti i servizi resi disponibili dalla piattaforma informatica a medici, lavoratori e datori di lavoro.
"Un plauso e un ringraziamento – ha affermato il Ministro Renato Brunetta – vanno alla Federazione nazionale degli Ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri che, con competenza e serietà, ha contribuito al successo di questa prima fase".

Secondo passo – In virtù del fatto che ci sono ancora aree territoriali e realtà ospedaliere non ancora pronte al passaggio, la Commissione monitorerà nei prossimi mesi il funzionamento del sistema. Si prevede che la piena andata a regime del sistema avvenga al più tardi entro il 31 gennaio 2011. Tuttavia nei prossimi mesi il mancato invio telematico del certificato medico non costituisce illecito disciplinare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cavallotrotto

    01 Ottobre 2011 - 10:10

    il medico di famiglia ha alle spalle un ordine dei medici che ha provveduto a discutere il programma digitale che funzionasse ,con il ministero e al nord è entrato subito in vigore e funziona . ora vorrei chiedere . come mai l'informatizzazione funziona solo al nord e se mandi a roma qualunque documento , non sanno nemmeno leggere i file ? i loro programmi sono diversi anche tra ente pubblico e roma . Vogliamo costruire dei programmi funzionanti ? ed evitare che se cerco un file n. 100 debbo partire da 1 e se sbaglio perchè ho il dito nervoso e faccio 101 debbo ricominciare daccapo ? non ci credete ? provate

    Report

    Rispondi

blog