Cerca

Di Girolamo patteggia pena di 5 anni

L'ex senatore del Pdl è accusato di riciclaggio e di essersi fatto eleggere coi voti dell'ndrangheta

Di Girolamo patteggia pena di 5 anni
Nicola Di Girolamo è agli arresti domiciliari. Dopo sei mesi e mezzo di carcere, l'ex senatore del Pdl travolto dall'inchiesta sul riciclaggio in cui sono stati indagati anche Silvio Scaglia di Fastweb e Gennaro Mokbel (per fare solo i nomi più noti) ha lasciato il carcere di Rebibbia, dove era detenuto dal 3 marzo scorso.
Di Girolamo era stato raggiunto da una ordinanza di custodia cautelare per i reati di associazione per delinquere finalizzata al riciclaggio di ingenti somme di denaro effettuato a livello internazionale e, con riferimento alla sua elezione a senatore con il voto degli italiani all’estero, per violazione della legge elettorale e per scambio elettorale aggravato dal metodo mafioso.
Nei suoi confronti, la procura di Roma aveva sollecitato e ottenuto il giudizio immediato, ma Di Girolamo, attraverso i propri legali, si è impegnato a concordare con i magistrati un patteggiamento a cinque anni di reclusione e a restituire 4 milioni e 700mila euro, ritenuto da chi indaga il provento di attività illecite.
Da quando è finito in manette, l'ex senatore si è sottoposto a numerosi interrogatori, risultando alla fine uno dei pochissimi indagati ad aver collaborato all’inchiesta. Ai magistrati della procura, oltre ad aver svelato il meccanismo della frode fiscale messa in atto da alcuni ex dirigenti di Fastweb e Telecom Italia Sparkle, con la regia dell’imprenditore napoletano Gennaro Mokbel e di alcuni suoi stretti collaboratori (come Carlo Focarelli e Marco Toseroni), Di Girolamo ha anche parlato dell’affare Digint, società che faceva parte del gruppo Finmeccanica e che (sospettano gli inquirenti) serviva per creare fondi neri all’estero.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Lamb

    20 Settembre 2010 - 13:01

    Ma poveretto, lui non sapeva che quei soldi erano riciclati, gli avevano detto che glieli davano perchè era bravo... Comunisti cattivi!

    Report

    Rispondi

  • antari

    18 Settembre 2010 - 18:06

    http://www.youtube.com/watch?v=8syw5Y0WOvE

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    18 Settembre 2010 - 17:05

    Solo io ad evidenziare che questo personaggio era ed è un uomo di Fini, fortissimamente da lui voluto ed eletto per vie traverse. Anche di avere voluto questo date la colpa al solito Berlusca, Fini no vero, lui è come l'immacolata concezione, senza colpe e senza peccato. IPOCRITI AL CUBO!!!

    Report

    Rispondi

  • Onesto56

    18 Settembre 2010 - 14:02

    Io propongo una pausa; fermiamoci un attimo con i post,non vedete che I DESTRIFERI non riescono a entrare con i loro commenti? diamogli spazio,debbono dire la loro su QUESTI DELINQUENTI ! O SONO SPARITI ? A, GIUSTO, SONO TUTTI a commentare la firma autentica di Tulliani,VISTA LA GRAVITA' DEL PROBLEMA !! Cosa volete che sia,in galera uno piu' o uno meno, non fa' nulla,piano piano ci stanno andando tutti al fresco ,e quando anche L'ULTIMO, TAL BERLUSCA sara' nelle patrie galere, faranno un commentino finale !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog