Cerca

Tanzi, revocato il cavalierato per indegnità

Il presidente Giorgio Napolitano ha accolto la proposta del ministro dello Sviluppo Economico e ha firmato il decreto

Tanzi, revocato il cavalierato per indegnità
Un brutto colpo per Calisto Tanzi, già patron della Parmalat. Infatti non è più Cavaliere del Lavoro, nomina che gli era stata conferita il 2 giugno 1984. Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha accolto la proposta del Ministero dello Sviluppo Economico, e lo scorso venerdì ha firmato il decreto di revoca ''per indegnità''' della decorazione di Cavaliere al Merito del Lavoro.

Dopo le complesse vicende finanziarie e giudiziarie in cui era rimasto coinvolto Calisto Tanzi, il Ministro dello Sviluppo Economico aveva chiesto di cancellare l'onorificenza ritenendo che sussistessero ''le condizioni previste dalla legge per la revoca''. Sarà ora lo stesso ministero di Via Veneto, come si afferma nel decreto presidenziale, a curare la trascrizione del provvedimento nell'albo dell'Ordine, oltre che a farlo pubblicare nella Gazzetta Ufficiale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ercole.bravi

    22 Settembre 2010 - 12:12

    in un'epoca nella quale il senso della moralità e della giustizia per tutti sembrava perduto definitivamente.....Tanzi l'eroe dei due mondi economici, alla fine ha avuto quello che meritava. Togliamo il cavalierato per indegnità e cosi i risparmiatori che si son visti, molti, bruciare anni di risparmi o somme di denaro che avevano deciso di investire, si vedranno tutelati per la truffa della quale son state vittime (con aiuti non indifferenti da chi sapeva, ma non fece nulla). La cosa comica sta nel fatto che il portatore di tale proposta è l'ex ministro che si è dimesso per l'appartamentino, quasi bugigattolo, in quel di Roma regalatogli, anzi agevolato nell'acquisto.....! Siamo al paradosso del più pulito con la rogna. E noi dietro a domandarci se mai usciremo un giorno a combattere ad armi pari in un mondo, pensando in grande, ma in uno stato rimanendo nei confini, nel quale il ladro guadagna, e l'onesto si aspetta comportamenti simili dagli altri. Quante parole perse!

    Report

    Rispondi

  • astice2009

    21 Settembre 2010 - 09:09

    Il decreto e' stato firmato dal cavaliere piu' indegno che esista al mondo. P.S. continui a essere felice di vivere in un paese di evasori fiscali e mafiosi; lei ci si trova bene. I sinistri e le persone della destra onesta assolutamente no.....

    Report

    Rispondi

  • eraldo cacchione

    21 Settembre 2010 - 09:09

    Tanto visto le leggi volute da questa classe politica, il suo processo non arriverà mai a una conclusione ed il reato verrà prescritto con buona pace di chi ha perso i risparmi di una vita.

    Report

    Rispondi

  • Marco40

    21 Settembre 2010 - 08:08

    In Italia ci sono talmente tanti Tanzi,che il vocabolario Zingarelli,non sarebbe in grado di elencarli.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog