Cerca

Lascia morire il gatto

Tre mesi in galera

Lascia morire il gatto
Il Tribunale penale di Roma ha condannato a tre mesi di reclusione per uccisione di animali (art.544-bis codice penale) un uomo ritenuto colpevole di aver abbandonato il suo gatto, chiuso nell’appartamento, senza cibo né acqua e con il caldo torrido di agosto, lasciandolo morire. Il fatto risale all’agosto del 2005, quando l’uomo partì da Roma per andare in vacanza. I suoi vicini di casa, che avevano sentito i miagolii del gatto, riuscirono a rintracciare il proprietario, ma lui, sebbene in un primo momento rispose che sarebbe rientrato il giorno stesso, successivamente disse di essere in vacanza e di non poter tornare a Roma ad occuparsi del gatto. Quando le forze dell’ordine entrarono nell’appartamento, trovarono il micio agonizzante, in una mansarda arroventata, dimagrito e disidradato. Nonostante le cure del veterinario, l’animale morì. Il giudice ha condannato l’uomo anche a risarcire i danni in favore della Lav (Lega antivivisezione), che si era costituita parte civile, e a pagare le spese legali. "Questa condanna, ottenuta grazie alla riforma del Codice penale introdotta nel 2004 dalla legge 189 in materia di maltrattamenti e uccisione di animali, è importante - dice Gianluca Felicetti, presidente della Lav - e ci auguriamo possa scoraggiare comportamenti tanto superficiali, ma colpevoli, da arrecare danno alla vita altrui".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • acarba

    24 Novembre 2008 - 13:01

    ma vi rendete conto di quello che dite? essere condannati per aver lasciato morire un gatto? ma voi avete mai mangiato un pollo o un pezzo d'agnello o una bistecca o salame prociutto? o anche tutti noi carnivori dobbiamo andare in galera? e invece uccidere un bambino solo perchè è ancora nel grembo della madre è lecito sono disgustato

    Report

    Rispondi

  • matrigna

    24 Novembre 2008 - 12:12

    vorrei sapere se quel gatto era una certosina perchè allora so chi è stato,un tizio di cui ho il numero telefonico e che vendeva una certosina e ne aveva molti altri,mi sono insospettiata per questa storia che fosse continuamente in viaggio e non ho concluso miente.Mi dispiacerebbe se fosse quella certosina piccola di mole,perchè avrei potuto salvarla da questa morte orribile acquistandola .Vi prego dalla redazione ditemi se era quella certosina Livia Maurano

    Report

    Rispondi

  • brasskit

    24 Novembre 2008 - 12:12

    Tre mesi sono un nulla. Deve essere condannato per cinque anni a passare le sue vacanze a cibare e dissetare gli animali lasciati in custodia da chi si comporta civilmente con gli animali.

    Report

    Rispondi

  • pallina76

    24 Novembre 2008 - 12:12

    Sono daccordo con voi,3 mesi sono troppo pochi.Io l'avrei chiuso in uno stanzino al buio senza cibo e senza acqua.Sicuramente prima di tirare l'ultimo respiro avrà capito cosa ha provato quel povero amore...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog