Cerca

Chiesto l'arresto di Calisto Tanzi

Secondo il Pg ci sarebbe un pericolo di fuga. L'avvocato dell'ex patron di Collecchio dice: "Non ha nessuna intenzione di fuggire o sottrarsi alla giustizia"

Chiesto l'arresto di Calisto Tanzi
Calisto Tanzi rischia l’arresto. A chiederlo è la procura generale di Milano dopo che l’ex patron della Parmalat era stato condannato in secondo grado a 10 anni di carcere con l'accusa di aggiotaggio, condanna che potrebbe diventare definitiva entro giugno del prossimo anno se non interverrà la prescrizione.

La richiesta era stata respinta dalla Corte d’Appello del capoluogo lombardo, ma la Procura generale, affiancata dal pm di primo grado Eugenio Fusco, aveva fatto ricorso al Tribunale del Riesame, davanti al quale oggi si è svolta l’udienza. E così il pm ha ribadito la sua convinzione che l’imprenditore vada arrestato per via di un pericolo di fuga e di reiterazione del reato, nonostante l’ex patron abbia più di 70 anni.

Il pericolo di fuga viene motivato con la circostanza che la sentenza definitiva è vicina e il rischio prescrizione, pur se presente, non è certo. Inoltre, il pericolo di reiterazione del reato viene giustificato alla luce della sottrazione dei quadri effettuata dall’ex patron di Collecchio nei mesi scorsi.

Non viene fatto cenno invece alle nuove attività intraprese da Tanzi in ambito imprenditoriale. La richiesta di arresto fu inoltrata dalla Pocura Generale dopo il deposito delle motivazioni della condanna in appello pronunciata il 19 maggio scorso, mentre il ricorso dell’accusa, dopo la bocciatura da parte della Corte d’Appello, risale alla fine di luglio. I giudici del Riesame, che oggi si sono riservati, prenderanno una decisione nei prossimi giorni.

Lo storico legale di Tanzi, Giampiero Biancolella, commentando la richiesta di arresto nei confronti dell’ex patron di Collecchio dice: "Tanzi non ha nessuna intenzione di fuggire, ne di sottrarsi alla giustizia, tant'è vero che oggi era presente in aula davanti ai giudici del riesame - prosegue - Le motivazioni con cui la procura richiede l’arresto sono apodittiche addirittura fanno riferimento al vecchio viaggi a Quito. Da quel viaggio, Tanzi tornò. Come hanno scritto i giudici della Corte d’Appello nel respingere una prima richiesta d’arresto, non si capisce da dove si possa desumere questo pericolo di fuga, considerando anche che Tanzi non ha beni all’estero e ha sempre avuto un comportamento ossequioso nei confronti della magistratura - conclude - Per quanto riguarda i quadri, Tanzi li ha messi a disposizione della magistratura, pur sapendo che appartengono alla moglie".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • COCCINELLA

    28 Settembre 2010 - 09:09

    è IL MINIMO....UN PO' DI GIUSTIZIA

    Report

    Rispondi

  • giovannib

    27 Settembre 2010 - 21:09

    visto che sei così ben informato sui fatti criminali della famiglia Berlusconi perché non vai in tribunale e denunci tutti? o forse sei come quella specie di individuo infingardo di di pietro e non hai il coraggio delle tue azioni?

    Report

    Rispondi

  • feltroni

    27 Settembre 2010 - 20:08

    L'indulto sotto il governo Prodi è stato votato da tutto il parlamento tranne l'Italia dei valori di Di Pietro, Alleanza Nazionale di Fini e la Lega del bavoso Bossi. Quindi a favore Il governo Prodi + Forza Italia di Berlusconi + UDC di Casini. Chi ha beneficiato dell’indulto? Cesare Previti (corruzione giudiziaria) che scende da 5 anni di pena a 2 anni, salvandosi dalla galera e dai domiciliari con il permesso di poter tornare in Parlamento. Silvio Berlusconi, imputato per corruzione del testimone David Mills e per i diritti Mediaset (appropriazione indebita, falso in bilancio e frode fiscale), insieme a Confalonieri (falso in bilancio) e ai figli Marina e Piersilvio (indagati per riciclaggio).

    Report

    Rispondi

  • alexpuzer

    27 Settembre 2010 - 19:07

    quante vero che berlusconi a fato leggi x salvare qualche suo amico cosa sbagliata.e vero che prodi con la sinistra a fato in modo che uscissero di galera persone molto piu pericolose di tanzi.vedi vari ex terroristi.e mafiosi. con l indulto e non dirmi che e stato votato anche dal pdl perche al governo cera prodi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog