Cerca

Quote latte. Galan avvisa: "Sono 500 a rischio ingiunzione"

Il Consiglio Ue chiede rigore. Il ministro dell'Agricoltura: "Abbiamo aperto una nuova fase, ma sull'Ogm la Ue si assuma le sue responsabilità"

Quote latte. Galan avvisa: "Sono 500 a rischio ingiunzione"
E' arrivato probabilmente a un punto di svolta l'annosa vicenda sulle quote latte e sulle sanzioni per gli allevatori che non hanno rispettato gli accordi europei, sforando nella produzione. Quest'oggi, infatti, il ministro dell'agricoltura Giancarlo Galan è intervenuto con un discorso al fulmicotone, recependo la forte presa di posizione dell'assemblea di Bruxelles.

"Se non si farà nulla - ha detto il ministro - queste 500 aziende inadempienti sono destinate a ricevere un decreto ingiuntivo che porterà alla loro chiusura. Lasciamo che queste aziende falliscano? E’ una decisione che spetta alla politica, al governo con la Commissione Ue".
I tempi per una decisione saranno "i più rapidi possibili per evitare i decreti ingiuntivi". Del resto, dal punto di vista di Bruxelles, "un conto è una procedura di infrazione, un altro sono degli aiuti di Stato".

Galan, poi, tira le orecchie alla Lega e all'ex ministro Luca Zaia sul comportamento tenuto a riguardo.
"Siamo arrivati a una nuova fase - ha riepilogato Galan -. Quello che dicevo era tutto vero: 39.500 produttori di latte sono sempre stati o si sono messi in regola. Un centinaio ha usufruito della cosiddetta legge Zaia e della speciale norma inclusa nella finanziaria, rinviando il pagamento della rata da giugno a dicembre. Gli altri 560 sono fuori legge e non hanno accettato nulla".

Contrari sull'Ogm - Oltre alle quote latte, Galan a Bruxelles ha anche approfondito il tema dell'Ogm. D'accordo con i suoi colleghi  di Francia, Germania, Spagna, Inghilterra e Polonia, Galan si è schierato oggi contro la proposta della Commissione Ue di lasciare libertà di scelta sulle coltivazioni Ogm ai singoli Stati.
"Siamo contrari a spezzettare la politica agricola comune perchè è proprio intorno alla Pac che l’Unione europea ha trovato la massima saldatura, la politica vera. In un contesto mondiale la politica agricola di un singolo stato fa ridere ed è troppo comodo regolare anche le misure che devono avere le banane e poi quando il problema è spinoso lasciare libertà. E’ proprio su queste cose che serve una politica comune".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ercole.bravi

    28 Settembre 2010 - 14:02

    e le sue quote latte.....io di origine contadina, e navigando nel mondo dell'agricoltura anche per lavoro, quando leggo o sento certe notizie trovo sempre il modo di mandare a quel paese una comunità europea che in nome delle sue leggi stupide si pone al di sopra della natura e delle tradizioni e legifera senza ascoltare nulla se non il tintinnio dei soldi del più forte in campo; e da allora ci troviamo senza stalle e produttori vicini di latte, e di conseguenza formaggi e carne, per potere vedere un prodotto realmente tipico o italiano dobbiamo aspettare l'arrivo dei camion dalla germania!!!! Dobbiamo svincolarci da questa angosciosa ed angosciante situazione e dare una sterzata, politica ed economica di una comunità che preserva solo alcuni (anche i contadini francesi si son visti strozzare dalle multinazionali) e ritornare alle origini di un prodotto che ha fatto anche la nostra storia popolare. Invece di correre dietro al futile, salviamo la nostra agricoltura, salveremo noi.

    Report

    Rispondi

  • blues188

    27 Settembre 2010 - 19:07

    Ma la soluzione reale è quella di uscire più in fretta possibile dalla Ue, luogo nel quale nessun italiano ha mai voluto entrare, tranne i venduti politici. Cosa ce ne facciamo di un organismo mai eletto che fa e dispone della nostra popolazione a proprio piacimento e capriccio? Oppure si mettano le quote latte e un numero limitato di ovini anche per il resto d'Italia, giusto per parificare i disagi.

    Report

    Rispondi

blog