Cerca

Gotti Tedeschi: "Lo Ior non ha nulla da nascondere"

Il presidente della banca vaticana è indagato per violazione delle norme antiriciclaggio

Gotti Tedeschi: "Lo Ior non ha nulla da nascondere"
L’Istituto opere per la religione non ha nulla da nascondere. Ad affermarlo è il presidente Ettore Gotti Tedeschi, di recente iscritto dalla Procura di Roma nel registro degli indagati per violazione delle norme antiriciclaggio. A margine della presentazione del libro Lampi nel buio di Paolo Panerai, alla residenza di Ripetta, il presidente della Banca vaticana ha anticipato i cronisti affermando: "Non aspettatevi nessun tipo di dichiarazione. Sono qui per mostrare la volontà di trasparenza del nuovo corso. Non abbiamo nulla da nascondere e non vogliamo nascondere nulla. In un mondo globale non è possibile trincerarsi dietro alcun paravento".

Il pm Stefano Rocco Fava e il procuratore aggiunto Nello Rossi ascolteranno Gotti Tedeschi e il direttore generale dello Ior, Paolo Cipriani, entro la fine di questa settimana. Nell'ambito dell'inchiesta sono stati sequestrati depositi per 23 milioni di euro.




Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gicchio38

    28 Settembre 2010 - 19:07

    CERTO, POVERINO, CHE VUOI CHE DICA COME SE IN TEMPI NON TROPPO PASSATI LO IOR NON E' STATO INGUAIATO IN ALTRI ................................. SE QUEI TRE PAPAVERI CON I BERRETTI ROSSI SI INTERESSASSERO MENO DEGLI AFFARI INTERNI DEGLI ITALIANI E SVOLGESSERO MEGLIO IL LORO LAVORO FACENDO MEA CULPA SU TANTE PORCHERIE CHE CERTAMENTE LORO PERSONALMENTE NON POSSONO PIU' COMMETTERE ANCHE SE LO VOLESSERO E CURASSERO MEGLIO E FOSSERO VERAMENTE SEVERI SU CHI FORSE COMMETTE ANCORA CERTE PORCHERIE FORSE LA FEDE RIACQUISTEREBBE TANTI DI QUEI FEDELI CHE PURTROPPO SI SONO ALLONTANATO PER NAUSEA. SE IL GOVERNO ITALIANO VI SOTTOPONESSE ALLA TASSAZIONE COSI' COME FA CON I SUOI CITTADINI AVRESTE MENO TEMPO DA SPENDERE A FARE I CICERONI DI TUTTO E DI TUTTI.

    Report

    Rispondi

blog