Cerca

Lite in sala parto, bimba nasce invalida

E la madre non potrà più avere figli. Aperta un'inchiesta sul presunto caso di malasanità a Bergamo

Lite in sala parto, bimba nasce invalida
Aperta un'inchiesta a Bergamo su un presunto caso di malasanità. Ancora una volta al centro delle indagini una lite in sala parto, che il 30 gennaio scorso agli Ospedali riuniti avrebbe provocato ritardo nella decisione di procedere con un taglio cesareo. Irreversibili le conseguenze: la bambina Samantha, figlia dei due albanesi Saimir Zekaj e Albana, è nata invalida al 95%, è cieca, non degludisce e viene nutrita da un sondino nell’addome; la madre, 31 anni, non potrà più avere figli per le gravi lesioni all'utero.

I genitori hanno sporto una denuncia sull'accaduto e hanno raccontato il loro dramma al quotidiano Bergamonews: "Mia moglie è stata lasciata in sala travaglio per più di due giorni, i medici si limitavano a dirle 'spinga, spinga'. Abbiamo anche assistito a una discussione molto accesa tra due dottoresse, una invitava a fare il cesareo, l'altra no. Ed è stata la prima a soccombere - dice Saimir - Mia moglie ha atteso ancora spingendo per altre ore. Fino a che è cambiato il turno dei medici e i nuovi arrivati hanno optato per il cesareo. Ma ormai era tardi: Albana aveva l'utero lacerato e la bambina è nata con gravissimi problemi".

La piccola Samantha è uscita dall’ospedale solo pochi giorni fa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • astice2009

    29 Settembre 2010 - 21:09

    tanto capietra' anche lei sotto le mani dei colleghi....

    Report

    Rispondi

  • blues188

    29 Settembre 2010 - 17:05

    Grazie, le sue info sono sempre preziose.

    Report

    Rispondi

  • blues188

    29 Settembre 2010 - 17:05

    c'è stato un refuso. Grazie ubik

    Report

    Rispondi

  • gasparotto

    29 Settembre 2010 - 16:04

    Non tutti sanno che i ricoveri ospedalieri dopo l'ultima riforma sanitaria si pagano a tariffa, secondo il peso della malattia o dell'intervento in personale e mezzi. Ogni intervento o malattia viene riferito al DRG(diagnosis related groups)sigla anglosassone che corrisponde al nostro ROD(raggruppamenti omogenei di diagnosi). Ebbene il parto cesareo è ascritto ad una tariffa giornaliera di degenza di circa 1000 euro, che pagherà la regione alla clinica o all'ospedale,il parto naturale meno della metà. Mettici anche gli ostetrici per i quali seguire una partoriente sino al parto è di conforto al portafoglio e la cosa comincia a capirsi.Si capisce la lite,si capisce perchè le amministrazioni ospedaliere preferiscano il cesareo. Il ministro Fazio con il governo Berlusconi , di fronte ai tanti casi di "malpractice",dovrebbe sbrigarsi a rivedere il SSN in meglio e non in peggio.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog