Cerca

Gaucci indagato per riciclaggio

L'ex patron del Perugia avrebbe ricevuto 600mila euro in contanti per una consulenza aziendale

Gaucci indagato per riciclaggio
Luciano Gaucci è indagato dalla Procura di Roma per riciclaggio. Secondo quanto si è appreso da Piazzale Clodio, tra il gennaio 2009 e il febbraio 2010, l'ex patron del Perugia calcio avrebbe ricevuto 600mila euro in contanti dalla società di pulizie Franci srl per una consulenza in ambito industriale. A coinvolgere l'imprenditore sono stati i titolari della stessa Franci srl, a loro volta indagati per reati fiscali.

Stamani la guardia di Finanza romana ha perquisito l'abitazione di Gaucci in zona Eur. Per oltre quattro ore l'imprenditore è rimasto chiuso in casa, facendo finta di non esserci e ignorando le ripetute sollecitazioni dei finanzieri che chiedevano di entrare. Solo quando si sono presentati i vigili del fuoco pronti ad abbattere la porta, Gaucci ha deciso di aprire.

I pm romani sottolineano che il fascicolo riguardante Gaucci e il dissesto della Franci, così come la perquisizione di oggi, sono "completamente indipendenti" rispetto all'inchiesta per truffa aggravata relativa alla casa di An a Montecarlo. "Non c'è alcuna relazione" con l'appartamento monegasco e con Elisabetta Tulliani, ex compagna dell'imprenditore.
Gli accertamenti sono coordinati dal pm Paolo Ielo e dal procuratore aggiunto Nello Rossi.

La difesa -  "Si tratta di un’ipotesi del tutto peregrina, quella della procura di Roma. La contestazione è sbagliata. Se ad una persona viene affidata una consulenza questa non può preoccuparsi della provenienza del denaro". Così ha affermato l’avvocato Alessandro Sammarco, difensore di Luciano Gaucci, in merito all’inchiesta e all’accusa di riciclaggio per il suo assistito.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fonty

    fonty

    03 Ottobre 2010 - 00:12

    Caro Gaucci, sei caduto sul Tulli..ano, (però era meglio la Tulli.ana nè?)gravissimo errore, come ti sei permesso cotanto affronto ? E ora è partita con puntualità cronometrica la vendetta n. 1. Altro che giudici lenti.

    Report

    Rispondi

  • castalia

    01 Ottobre 2010 - 15:03

    ben vengano le perquisizioni a Gaucci che non è certo una mammoletta, però che non si omettano altre indagini relative alla casa di montecarlo, la giustizia va perseguita sempre anche nei confronti delle persone che ricoprono alte cariche nello stato che soffrono di ingenuità ripetuta in alcuni avvenimenti che riguardano i parenti. La legge non ammette ignoranza vale per tutti e "ingenuo" ha lo stesso significato in questo caso di "ignoranza". Non è l'utilizzo di un aggettivo anzichè di un sostantivo che può cancellare certi doveri soprattutto per chi ricopre una carica che va ONORATA.

    Report

    Rispondi

  • fdrebin

    01 Ottobre 2010 - 15:03

    perche' avrebbero dovuto perquisire i Tullianos come li chiama lei? Qui c'e' un'ipotesi di reato (riciclaggio). Nel caso dei Tullianos quale sarebbe l'ipotesi di reato? La stessa della denuncia di Storace e del suo amichetto? O un'altra?

    Report

    Rispondi

  • nonae

    01 Ottobre 2010 - 14:02

    Due pesi e due misure dalla casta giudiziaria, come al solito. Questo viene colto ogni giorno da tutti e viene sempre meno accettato. Un Paese putrefatto in ogni settore.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog