Cerca

Palermo, maresciallo investe una donna e scappa

Accusato di omissione di soccorso e lesioni. La vittima, una rumena di 32 anni, è ricoverata in gravi condizioni

Palermo, maresciallo investe una donna e scappa
Un maresciallo dei carabinieri ha investito con la sua auto una giovane donna e poi è scappato. E' successo a Palermo, all’1 e 50 di notte in corso Calatafimi. La vittima, una romena di 32 anni, è stata ricoverata in gravi condizioni, mentro il carabiniere, rintracciato subito dopo la breve fuga, si trova adesso in procura, accusato di omissione di soccorso e lesioni. La sua posizione potrebbe aggravarsi in base alle condizioni della donna.

"La posizione del maresciallo dei carabinieri, alla guida della propria auto, in licenza, libero dal servizio, è al vaglio dell'autorità giudiziaria palermitana per omissione di soccorso ed altre ipotesi di reato in relazione alle condizioni della vittima", spiegano in una nota i carabinieri del comando provinciale di Palermo.

I carabinieri del nucleo radiomobile insieme alla polizia municipale proseguono "gli accertamenti per chiarire ogni dettaglio della dinamica dell'incidente stradale e "il Comando - si legge in una nota - ha avviato con rigore anche tutte le procedure di responsabilità amministrativa connesse con gli obblighi previsti dal regolamento per un carabiniere".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • DAVIDEPSY

    02 Ottobre 2010 - 04:04

    Fateci sapere se viene arrestato,ed ovviamente se la donna situazione della donna migliora, se esiste ancora un granello di giustizia in questo paese o dobbiamo farci deridere dal mondo intero. In procura?... uhm in galera. Tanto diranno che non è colpa sua... si è buttata lei sotto la macchina o cose del genere, qualcosa cercheranno di insabbiare. La cosa schifosa in un caso simile non è tanto l'investimento, ma l'omissione di soccorso, magari la donna poteva stare meglio se venivano chiamati i soccorsi tempestivamente, insomma è una cosa da condannare senza "se" e senza "ma". Le spiegazioni poteva darle una volta che le aveva chiamato un'ambulanza, prestandole almeno il soccorso. La sua situazione sarebbe sicuramente diversa, e credo anche quella della donna investita.

    Report

    Rispondi

blog