Cerca

Palermo, maresciallo investe una donna e scappa

Accusato di omissione di soccorso e lesioni. La vittima, una rumena di 32 anni, è ricoverata in gravi condizioni

1
Palermo, maresciallo investe una donna e scappa
Un maresciallo dei carabinieri ha investito con la sua auto una giovane donna e poi è scappato. E' successo a Palermo, all’1 e 50 di notte in corso Calatafimi. La vittima, una romena di 32 anni, è stata ricoverata in gravi condizioni, mentro il carabiniere, rintracciato subito dopo la breve fuga, si trova adesso in procura, accusato di omissione di soccorso e lesioni. La sua posizione potrebbe aggravarsi in base alle condizioni della donna.

"La posizione del maresciallo dei carabinieri, alla guida della propria auto, in licenza, libero dal servizio, è al vaglio dell'autorità giudiziaria palermitana per omissione di soccorso ed altre ipotesi di reato in relazione alle condizioni della vittima", spiegano in una nota i carabinieri del comando provinciale di Palermo.

I carabinieri del nucleo radiomobile insieme alla polizia municipale proseguono "gli accertamenti per chiarire ogni dettaglio della dinamica dell'incidente stradale e "il Comando - si legge in una nota - ha avviato con rigore anche tutte le procedure di responsabilità amministrativa connesse con gli obblighi previsti dal regolamento per un carabiniere".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • DAVIDEPSY

    02 Ottobre 2010 - 04:04

    Fateci sapere se viene arrestato,ed ovviamente se la donna situazione della donna migliora, se esiste ancora un granello di giustizia in questo paese o dobbiamo farci deridere dal mondo intero. In procura?... uhm in galera. Tanto diranno che non è colpa sua... si è buttata lei sotto la macchina o cose del genere, qualcosa cercheranno di insabbiare. La cosa schifosa in un caso simile non è tanto l'investimento, ma l'omissione di soccorso, magari la donna poteva stare meglio se venivano chiamati i soccorsi tempestivamente, insomma è una cosa da condannare senza "se" e senza "ma". Le spiegazioni poteva darle una volta che le aveva chiamato un'ambulanza, prestandole almeno il soccorso. La sua situazione sarebbe sicuramente diversa, e credo anche quella della donna investita.

    Report

    Rispondi

media