Cerca

Tre cani morti e bambino colto da malore. Sigilli al parco di Casetta Mattei

Roma. In azione l'Arpa e l'Asl per capire le cause. Si pensa a un problema ambientale

Tre cani morti e bambino colto da malore. Sigilli al parco di Casetta Mattei

Rischia di aprirsi un caso ambientale a Roma, dove nel parco giochi comunale in zona Casetta Mattei sono stati ritrovati questa mattina tre cani morti, ancora per cause tutte da accertare.
Le indagini sono partite immediatamente anche perché, oltre agli animali, anche un bambino che stava giocando nel parco ha accusato un malore.
Proprio per questo motivo la polizia Municipale del XV Gruppo è intervenuta sul posto e ha circoscritto l’area, impedendo l'accesso ai cittadini. Sul posto sono intervenute anche la Asl e l’Arpa per effettuare analisi su campioni dell’aria e del terreno, attualmente ancora in corso. Intanto il proprietario di uno dei tre cani morti ha deciso di far sottoporre l'animale ad autopsia per stabilire le cause del decesso.

Deciso ad andare fino in fondo Augusto Santori, consigliere del PDL del Municipio XV.
"Quanto accaduto oggi a Casetta Mattei è un fenomeno gravissimo che necessita di immediata chiarezza. Ringrazio ancora gli agenti della Polizia Municipale per l'intervento effettuato oggi, spero che con altrettanta celerità ARPA e ASL possano comprendere le cause di tale episodio, in quanto i parchi sono punti nevralgici del quartiere. Spero che anche il Presidente Paris possa aiutare i cittadini del Municipio a capire cosa in particolare sia avvenuto e le cause di tale episodio".

Anche il vice presidente della commissione Ambiente di Roma Capitale, Francesco De Micheli, vuole fare chiarezza.

"È grave quanto avvenuto nel parco giochi di via Vela. Nell’accogliere positivamente il pronto intervento della Polizia Municipale, ritengo fondamentale che si chiariscano al più presto le ragioni di questi episodi allo scopo di restituire a tutta la cittadinanza un luogo verde e di incontro. Non possiamo dunque che auspicare che Arpa e Asl facciano immediatamente chiarezza in merito alle possibili cause che hanno prodotto simili eventi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog