Cerca

Omicidio Aldrovandi. Lo Stato risarcisce la famiglia

Accordati due milioni di euro ai parenti del giovane scomparso nel 2005 durante un controllo di Polizia

Omicidio Aldrovandi. Lo Stato risarcisce la famiglia
Lo Stato e le Forze dell'Ordine hanno riconosciuto le loro responsabilità sul caso di Federico Aldrovandi, il giovane ucciso a Ferrara nel settembre del 2005 durante un controllo di Polizia.
Lo Stato ha infatti riconosciuto un risarcimento alla famiglia di 2 milioni di euro; in cambio i parenti del ragazzo non si costituiranno parte civile nei procedimenti ancora aperti.

"Sono soddisfatto dal punto di vista professionale, si tratta di un'ammissione di responsabilità di indubbia valenza - ha spiegato l'avv. Fabio Anselmo, uno dei legali della famiglia - ma anche dispiaciuto dal punto di vista umano, avrei voluto essere in appello. Ma capisco la fatica della famiglia per tutta questa infinita battaglia legale".

Il caso - Il decesso di Federico Aldrovanti è datato 25 settembre 2005. Dopo una chiamata al 113 di una signora spaventata che segnalava agli agenti la presenza di un ragazzo che sbatteva dappertutto, presso l'ippodromo di Ferrara, una pattuglia della polizia è intervenuta sul posto.
Nel tentativo di fermare il giovane si è scatenata una collutazione con i quattro agenti. Nel giro dei successivi 15' arrivarono sul luogo anche la seconda volante e l'ambulanza del 118, chiamata dagli stessi poliziotti.
L'intervento dei medici, tuttavia, non ha sortito gli effetti sperati: il giovane si è spento per un arresto cardio-respiratorio e un trauma cranico-facciale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dontfeedtheboss

    11 Ottobre 2010 - 12:12

    Che il povero Federico fosse a piedi e non era drogato. Lei parla, come tutti gli ignorantoni di destra, di cose che non conosce.

    Report

    Rispondi

  • GIO e FRA

    11 Ottobre 2010 - 11:11

    Assodato che la famiglia deve essere risarcita per quello che le hanno fatto,mi domando perchè dobbiamo pagare noi! Succede per tutti i casi in cui qalche sbagio viene accertato, a cominciare dalla giustizia: se uno si fa 10 anni di galera da innocente, chi paga???? Ecc.. Ci vorrebbero altro che 1000 caratteri...

    Report

    Rispondi

  • adaniel

    11 Ottobre 2010 - 11:11

    uno che guida drogato e va a zig zag ucciderà qualcuno- e se è un energumeno va immobilizzato e ci puo scappare una lesione grave- ai soloni che parlano di radiazione dei poliziotti auguro di non avere parenti uccisi da energumeni drogati- alla famiglia lo stato ha elargito 2 milioni di euri per uno che guidava drogato- ora però mi aspetto che ai familiari dei nostri ragazzi caduti in afganistan per la patria siano dato ALMENO 4 MILIONI per ciascuno di loro

    Report

    Rispondi

  • dontfeedtheboss

    11 Ottobre 2010 - 10:10

    L'analisi tossicologica dmostra che non avesse assunto nessuna droga. Che il ragazzo stesse dando in escandescenza lo dicono i suoi assassini, quindi affatto credibili. Non capisco come si faccia, di fronte all'evidenza, stare ancora dalla parte delle "polizie" che è ormai acclarato annoverano tra i propri operatori anche pazzi esaltati e violenti. Diffamare un ragazzo morto per fare la solita becera propaganda di destra è veramente rivoltante e spero che la famiglia Aldrovandi ti quereli e quereli il giornale "libero" per aver pubblicato le tue bestialità.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog