Cerca

La Scientifica: "I documenti di Ciancimino sono autentici"

Restano dubbi sui pizzini. Il generale Mori, imputato per favoreggiamento, aveva accusato di contraffazione il figlio di "don Vito"

La Scientifica: "I documenti di Ciancimino sono autentici"
I documenti presentati da Massimo Ciancimino sono autentici. Lo ha assicurato il capo del gabinetto della polizia scientifica di Roma, Piero Angeloni, chiamato oggi a deporre nel processo a carico del generale Mario Mori. Era stato proprio l'ex comandante dei Ros, imputato insieme al colonnello Obinu per favoreggiamento alla mafia, a sollevare i dubbi sull'autenticità dei documenti. La polizia scientifica ha però assicurato che, stando ai rilievi scientifici,  le lettere firmate dall'ex sindaco di Palermo,  don Vito,  sono vere e di epoca compatibile con quanto riferito dal superteste dell’inchiesta sulla trattativa Stato-Cosa Nostra.

I pizzini - Secondo i consulenti del pm Nino Di Matteo citati in aula, nei documenti non ci sono alterazioni e manipolazioni evidenti. I grafici e grafologici avvertono però che manca la certezza di alcuni riferimenti, poiché il materiale è in gran parte in fotocopia. Restano i dubbi anche sui "pizzini" attribuiti a Bernanrdo Provenzano: fisici e chimici hanno rilevato che i sette biglietti sono stati realizzati con una stessa macchina da scrivere. Rispondendo al presidente del tribunale Mario Fontana, uno dei consulenti ha spiegato che, essendo stati scritti a distanza di tempo con un’unica macchina da scrivere, si dovrebbe notare qualche differenza. tra il piu recente e il più vecchio.  Massimo Ciancimino sostiene che i pizzini siano stati scritti tra il 1992 e il 2001. Eppure non emerge tra di loro differenza alcuna dovuta all’usura e al trascorrere del tempo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • GINO47

    13 Ottobre 2010 - 15:03

    Signor Degrelo, non è che si fa "finta di niente"! Sono state capite ed esattamente interpretate le parole di Ultimo che non voleva dare del Mafioso a Ingroia (Ultimo è persona di onestà cristallina), ma ha fatto quel parallelismo per far intendere che la nuova strategia mafiosa aveva portato servitori integerrimi dello Stato a sedere dalla parte degli indagati! (e sulla onestà di Ultimo sfido chiunque a dimostrare il contrario, atteso che è stato il primo a catturare il più grande ricercato del mondo all'epoca dei fatti, nonostante da 20 anni gli davano la caccia, a parole). Nesuno si è scomposto, neanche Ingroia, persona intelligente, che ha colto la chiave di lettura della frase di Ultimo!!!!

    Report

    Rispondi

  • degrel0

    13 Ottobre 2010 - 12:12

    ...ha dichiarato che durante l'interrogatorio fattogli da Ingroia non vedeva la faccia del pm palermitano ma quella di Riina!è un'accusa pesantissima ma tutti hanno fatto finta di niente.perchè?

    Report

    Rispondi

  • umberto2312

    13 Ottobre 2010 - 08:08

    Saranno anche autentici ma sempre caz....te sono.

    Report

    Rispondi

  • GINO47

    12 Ottobre 2010 - 17:05

    L'interessante aforisma l'ho rinvenuto aulle pagine di FB dei fans del GRANDE Capitano ULTIMO. é meraviglioso!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog