Cerca

Altro suicidio in carcere a Ravenna. Sono 50 nel 2010

Il Dap lancia l'allarme: prigioni piene, con 68.536 persone, di cui 30 mila in attesa di giudizio

Altro suicidio in carcere a Ravenna. Sono 50 nel 2010

Mentre la politica si interroga sui tempi e la qualità della giustizia italiana, dai penitenziari nostrani arriva un altro dato che testimonia la situazione insostenibile del sistema carcerario.
Con il suicidio del siciliano trovano impiccato martedì in cella a Ravenna, è arrivato a 50 il numero dei detenuti che si sono tolti la vita dietro le sbarre in questi primi dieci mesi del 2010.

A certificarlo è il rapporto sulla popolazione carceraria diramato quest'oggi dal Dap. L’istituto "maglia nera" in questa classifica è la casa circondariale di Siracusa con 4 suicidi negli ultimi 10 mesi, seguita da quella di Poggioreale (3), Rebibbia (3) e Padova (3). Oltre ai suicidi, sono impressionati anche gli atti di autolesionismo compiuti dai detenuti, stimati in 4.537 casi.

Sovraffollamento - Il problema è sempre quello. Le carceri stanno ormai scoppiando, con la popolazione carceraria che ha raggiunto la quota record di 68.536 persone, contro le 44.629 unità che rappresenterebbe il limite regolamentare. Le regioni in cui si registra il più alto numero di detenuti sono Lombardia (9.254), Sicilia (8.120) e Campania (7.876). Per quanto riguarda gli agenti penitenziari, risultano in servizio 39.569 poliziotti, di cui 3.554 donne.
Da segnalare che il sovraffollamento è causato soprattutto dalle persone che sono incarcerate in attesa di giudizio: a tal proposito, sono 30 mila le persone che stanno aspettando dietro le sbarre il verdetto  dei giudici.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • violacea

    13 Ottobre 2010 - 21:09

    uno meno da mantenere, scusate ma che cazzo volete, poteva fare a meno di fare il delinquente e cosa volete che ci stracciamo le vesti???? visto che il 70% dei carcerati e' straniero e la lunghezza dei nostri processi ( loro non hanno tempo devono perseguire berlusconi)!!!! mandateli tutti a casa loro sti immigrati delinquenti e risolverete il problema!!! capito !!!!! e basta che abbiamo altri problemi da risolvere!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    13 Ottobre 2010 - 20:08

    DA SINDACALISTA RIBELLE QUANDO MI ACCORSI CHE SI PARLAVA AL VENTO INNEGGIAI A SAN BULLONE E COSI' SI INCOMINCIO' A CAPIRE OGGI PER FAR CAPIRE QUESTI TESTONI DI GOVERNANTI CHE LE CARCERI COSI' COME SONO VANNO ABBATTUTI E COSTRUITI DEI VILLAGGI GIUDIZIARI PER LA RIABILITAZIONE DEI CITTADINI TRASGRESSORI DELLE LEGGI ? Durante l'epoca di mani pulite,più di qualche politico caporione sperimentò le carceri ne dissero che andavano cambiate però, passata la paura,gabbato il santo. Ora chi bisogn a inneggiare affinchè questi gaglioffi capiscano che più si è trattati male e peggio si diventa ? - Primna che nasc a qualche San Bullone carcerario prendete seriameente in esame quanto richiesto da moltissimi cittadini che chiedono di essere trattati con umanità e di essere recuperati al mondo civile. Speriamo che qualche lucciola scingtilli nelle menti di chi governa.

    Report

    Rispondi

blog