Cerca

Il mandante di "Ivan" è la malavita serba

Darko Saric, re del narcotraffico, avrebbe foraggiato con 200 mila euro 60 hooligans

Il mandante di "Ivan" è la malavita serba

Ma quale abuso di alcoolici? Ma quale contestazione alla squadra per la sconfitta con l'Estonia? Ma quale protesta per l'assenza dei giocatori della Stella Rossa di Belgrado?
Il calcio con gli scontri di Genova che hanno portato alla sospensione dopo solo 6' della partita Italia-Serbia di martedì scorso non centra proprio nulla. Il vero mandante degli incidenti che hanno funestato per 24 ore il capoluogo ligure sarebbe nientemeno che la malavita serba e Darko Saric, il re del narcotraffico dei balcani.

Questa la notizia che si sta facendo strada in ambito internazionale. Come documentato sulle pagine del nostro quotidiano odierno e come del resto confermato dal quotidiano serbo "Politika", i 60 hooligans protagonisti degli scontri di martedì scorso sarebbero stati foraggiati dalla malavita con una borsa di 200mila euro.
Soldi che sono stati serviti agli hooligans per il viaggio, per il soggiorno e per l'acquisto degli "arnesi" utilizzati negli scontri.

Secondo la fonte anonima citata dai quotidiani serbi, è probabile che i boss della mafia "abbiano finanziato i disordini a Genova perché interessati a provocare il caos in seno allo Stato serbo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aquila azzurra

    19 Ottobre 2010 - 12:12

    che questo manipoli di delinquenti , organizzato e sprezzante nei confronti delle nostre istituzioni, fosse venuto con il preciso piano di creare disordini. Chi credeva alla storia del bravo ragazzo disoccupato ed arrabbiato per la sconfitta della nazionale, ma con una buona scorta di euro da spendere per viaggio , soggiorno ed acquisto di materiale bellico per se e per i suoi amici? Smettiamola di comportarci da idioti e diciamoci come le nostre forze di polizia abbiano fallito nell'impatto con questi terroristi che andavano affrontati al loro primo atto delinquenziale e mai condotti allo stadio in una corsia privilegiata. Ora aspettiamoci anche la beffa da parte delle autorità uefa che sicuramente hanno disapprovato il comportamento italiano e vorranno dare un esempio di severità.

    Report

    Rispondi

  • stagnino

    18 Ottobre 2010 - 16:04

    Cara signora madre di ivan, Vorrei vedere la sua faccia per vedere se ci somiglia a suo figlio? sicuro Lei è certamente uguale ad Ivan? o peggio di Ivan? Signora cara, i tipi come suo figlio ,vanno messi sulla sedia elettrica, come fanno negli stati uniti! fregandosene di tutti. Ma se accade in qualsiasi parte del mondo, tutti protestano, e i delinquenti che seminano terrore vengono messi in libertà!!

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    17 Ottobre 2010 - 17:05

    Perchè non ti proponi tu per primo come esperto (degli idioti) visto che contesti quanto detto da un altro ?

    Report

    Rispondi

  • Luigi Luciano Notarbartolo

    16 Ottobre 2010 - 17:05

    tutte le domande, anche le più ovvie, possono sembrare idiote a chi porta i paraocchi come i somari

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog