Cerca

Coppia gay ha un figlio con utero in affitto

Valter e Mario di Livorno sono andati in California per avere un bambino. La 30enne messicana che lo ha partorito ora non ha più diritti sul piccolo

Coppia gay ha un figlio con utero in affitto
Il piccolo David, nato il 10 agosto scorso negli Stati Uniti da una giovane donna messicana, ha due papà, Valter, 46 anni, e Mario, 50 anni. La coppia di origine livornese, insieme da 24 anni, ha deciso infatti di avere un bambino prendendo un utero "in affitto" all'estero e aggirando così il divieto di adozione per gli omosessuali. Il seme è di Valter che, per la legge italiana, è il padre di David.

Il bebè arriva dopo il matrimonio nel 2008 a Barcelona. Valter e Mario dicono che spiegheranno a David "che è nato da un semino e dalla pancia di Amanda perché 'mamma-pancia' è sempre presente: ci parliamo su skype, le mandiamo le foto, verrà a trovarci ad aprile". Non mancano i problemi burocratici. Mentre negli Usa David, cittadino americano per nascita, è figlio di entrambi, in Italia lo è solo di Valter. Mario quindi dovrà fare testamento per assicuragli la tramissione dei beni. Presto nella loro casa ci sarà anche una donna, oltre alle amiche e alle zie: "Abbiamo scelto una tata perché per David è importante interagire con una sensibilità femminile".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ginovercesi

    29 Dicembre 2010 - 10:10

    una persona almeno intelligente dovrebbe capire da sola che non é "naturale" e quindi non è giusto ne logico che due omosessuali debbano poter allevare un bambino che crescendo potrà solo soffrire di tale violenza impostagli . La attuale Società , che è marcia , per presunzione di democraticità , lascia fare..... più avanti solo i poveri bambini ne soffriranno...............VERGOGNA !

    Report

    Rispondi

  • byxio

    27 Ottobre 2010 - 13:01

    Sono favorevole, all'adozione da parte delle coppie omosessuali. Però come ha scritto un altro utente, sono contro la mercificazione degli uteri. Capisco che uno dei due ha donato il seme, e quindi è legalmente il padre. Però alla fin fine è stato fatto un contratto... Sarei propenso per l'adozione di bambini orfani o tolti da famiglie disagiate e magari già grandicelli. Così come avrei intenzione di fare col mio compagno fra qualche anno. Per l'utente che parla di chi fa la mamma e il papà, gli ricordo che non esistono solo famiglie "normali", ma anche nuclei famigliari composti da padri o madri vedovi o di genitori divorziati e risposati che si ritrovano con più genitori e i bambini crescono lo stesso sani. Per la questione orientamento sessuale dei figli, non sta al genitore "indirzzare" per il verso giusto la sessualità, anche perchè è inutile. Se il ragazzo è omosex, per quanto gli puoi dire che con le donne si troverebbe meglio, lui proverà attrazione e sentimenti verso uomini.

    Report

    Rispondi

  • omarfrankfurt

    22 Ottobre 2010 - 08:08

    Apprezzo la tua mitezza: a differenza di tanti altri su questo sito almeno tu non offendi e illustri chiaramente le tue motivazioni. Nel mio discorso non accuso nessuno di mancanza di requisità di "buon genitore". Ribadisco: sono favorevole all'adozione di bimbi orfani da parte di coppie omo, ma non tollero la mercificazione degli uteri e delle creature, sinonimo di egoismo puro. Quando il bambino sarà grande probabilmente si domanderà perchè sua madre l'ha venduto per denaro. Cosa gli verrà risposto? "Ti volevamo ad ogni costo, siamo andati alla boutique e ti abbiamo comperato"? Quale idea potrebbe farsi costui della donna che lo ha messo al mondo? e quale idea potrebbe farsi sulle donne in generale? Io rifletto anche su questi aspetti. Mi riprometto di approfondire il caso appena avrò tempo. Per il momento spero di aver chiarito il mio concetto.

    Report

    Rispondi

  • Scrappy

    21 Ottobre 2010 - 20:08

    Ma chi si chiede queste domande, io trovo i tuoi quesiti surreali e provocatori e sopratutto offensivi...si sei profondamente offensivo. i genitori sono genitori,gli omosessuali provengono da genitori eterosessuali, ci si nasce etero ,omo o bisex.....ogni essere umano deve avere diritto ad essere "autentico", ad un bambino non interessa il sesso di chi lo ama ,lo accudisce , pensa al suo sviluppo intellettivo e morale, ti consiglio di vedere su youtube il documentario "il lupo con i calzoncini corti"....e falla finita di sparare cavolate...mi auguro che con i tuoi figli tu sia più serio e complesso di come ti sei espresso quì. uno dei tuoi figli o nipoti ,potrebbe essere omosessuale, e gente come te gli nega la felicità di vivere pienamente sia la propria inclinazione sentimentale che genitoriale.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog