Cerca

La Lario rilancia a Berlusconi: 3,5 milioni al mese.

Nei giorni scorsi ha presentato al tribunale di Milano una memoria integrativa. Il premier aveva proposto 1,8 milioni mensili.

La Lario rilancia a Berlusconi: 3,5 milioni al mese.
Veronica Lario ripresenta il conto al quasi ex marito Silvio Berlusconi. E lo presenta salatissimo. Infatti, sarebbe qualcosa come 3,5 milioni di euro al mese. Nei giorni scorsi, la Lario ha presentato al tribunale di Milano una memoria integrativa in vista della prossima udienza, che sarà tenuta dal giudice Gloria Servetti per la metà di dicembre. Il tutto serve come un atto dovuto alla procedura civile, a seguito di un accordo ancora non conseguito dalle parti: il premier ha definito "esorbitanti" le richieste di Veronica. Tramite il legale, la ex moglie del presidente, l'avvocatessa Morelli, ha fatto una richiesta di 43 milioni di euro l'anno, appunto poco di 3 milioni e mezzo di euro al mese.. La controproposta di Berlusconi era arrivata a 7 milioni di euro l'anno, ovvero sui 300mila euro al mese, oltre all'usufrutto a vita (e dei compensi per il mantenimento della tenuta) della Villa Belvedere, dove per vent'anni la Lario ha vissuto con i tre figli avuti dal premier. Il presidente in più, aveva poi aggiunto la possibilità di usufruire dei propri aerei privati. Ma Veronica non ha ritenuto accettabile l'offerta.

















Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bruno osti

    23 Ottobre 2010 - 12:12

    Berlusconi in una intervista ad I. Montanelli, agli inizi del '94: "se non entro in politica finisco in galera e fallisco per debiti". Ribadito sei anni dopo anche da Confalonieri a Repubblica "La verità è che se Silvio non avesse fondato Forza Italia noi oggi saremmo sotto un ponte o in prigione con l'accusa di mafia. col cavolo che portavamo a casa il lodo Mondadori!". Berluscones, se leggeste qualcos'altro e non solo Libero...

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    23 Ottobre 2010 - 12:12

    "..ecco l’emendamento Azzolini. Andiamo a vedere cosa dice: “I contribuenti, ...in Cassazione... possono risolvere le proprie pendenze con il pagamento di un importo pari al 5% del dovuto”. Guarda un po’ il caso: con questo cavillo Berlusconi, condannato appunto in cassazione, non dovrà pagare 250 milioni di euro, ma solo “il 5% del dovuto” ----"Grazie al decreto numero 40, approvato dal governo il 25 marzo e convertito in legge il 22 maggio, potrà chiudere la maxi-vertenza pagando un mini-tributo: non i 350 milioni di euro previsti (tra mancati versamenti d'imposta, sanzioni e interessi) ma solo 8,6. E amici come prima."

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    23 Ottobre 2010 - 11:11

    anche LUI. E, stante l'età, molto prima di Lei. Perché allora continua a fare soldi su soldi e non lo criticate per questo?

    Report

    Rispondi

  • uldebass

    22 Ottobre 2010 - 11:11

    è pazzesco leggere commenti di individui incolti che continuano a tirar fuori la favola secondo la quale Berlusconi era pieno di debiti prima di entrare in politica. Piccola lezione: 1) l'indebitamento di un'azienda va sempre rapportato al fatturato (es. 500 milioni di debiti su 5 miliardi di fatturato sono indice di un'azienda sanissima). 2) quali leggi ha fatto Berlusconi per pagarsi i debiti? vogliate favorire un dettagliato elenco, in caso contrario tornate a scuola, possibilmente da professori non di sinistra.. ah già, dimenticavo, in Italia è impossibile...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog