Cerca

Mamma uccide la sua bimba

"Piangeva e mi infastidiva"

Mamma uccide la sua bimba
"Il suo pianto mi dava fastidio. Per questo l'ho uccisa". Vent'anni, neo mamma da quindici giorni, Morena Loprete ha confessato: ha ucciso la propria figlioletta Annarita di appena due settimane, trovata morta nella notte tra domenica e lunedì nella sua culla a Gagliano, quartiere a nord di Catanzaro. Dopo una furibonda lite con il marito Rosario Donato, 23 anni, e infastidita dai vagiti della piccola, la ragazza ha prima sferrato due coltellate al consorte, colpendolo all'addome e all'orecchio, quindi ha preso Annarita che piangeva e l'ha gettata a terra, spaccandole il cranio. Secondo i primi accertamenti, il corpo della neonata presenta lesioni alla testa compatibili con un violento impatto a terra. Il padre della bambina è riuscito a fuggire e si trova ora ricoverato in condizioni non gravi nel reparto di chirurgia dell'ospedale di Catanzaro.
La donna, dopo la confessione, è stata arrestata con l'accusa di omicidio volontario.
Sconvolti i vicini di casa e gli amici della giovane mamma: "Tutto il quartiere è in lutto, non ci sono giustificazioni per una storia così su una bambina di appena 15 giorni". Secondo quanto raccontato dai vicini Morena aveva un temperamento molto forte, provocato forse anche da alcune disavventure familiari che l'hanno resa orfana da piccola; Rosario, invece, è un bravo ragazzo che si guadagna da vivere facendo l'elettricista. Non era infrequenti i litigi tra i due.
"La famiglia è diventata un campo di battaglia", ha sottolineato lo psicanalista e criminologo Francisco Mele, docente di Sociologia della Famiglia e direttore del Settore Terapia Familiare del Ceis, commentando il sanguinoso episodio, "ed è afflitta da una crisi profonda e strutturale che è il riflesso in qualche modo di quella economica e sociale che è in atto a livello globale. Nella famiglia stanno venendo meno quei meccanismi e quelle difese che mantengono sotto controllo conflitti e tensioni. C'è da chiedersi perchè due persone che si promettono amore diventano nemiche al punto da cercare di uccidersi? L'impressione è che ciascuno dei due in realtà ha bisogno dell'altro, come se sposandosi abbiano voluto scegliere il 'nemico giusto' da amare e da combattere. Accade così che davanti a problemi esterni ci sono coppie che, invece di unirsi per affrontare le avversità, aumentano la loro conflittualità. In questo caso si tratta di una coppia molto giovane, che ancora non ha trova l'equilibrio per coordinare le azioni della convivenza e amalgamare le esigenze personali. Il bambino diventa così vittima innocente del potenziale di violenza che unisce o divide i genitori"

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mirella62

    05 Dicembre 2008 - 12:12

    una preghiera per questo angelo che non c'e' piu' una preghiera per la mamma che sicuramente non era in se

    Report

    Rispondi

blog