Cerca

Mafia, catturato il superlatitante Messina

Ricercato dal 1999, il 38enne di Porto Empedocle si trovava nella stessa provincia di Agrigento

Mafia, catturato il superlatitante Messina

E' stato catturato a Favara, in provincia di Agrigento, il superlatitante Gerlandino Messina. Il boss 38enne di Porto Empedocle, inserito nell’elenco dei latitanti di massima pericolosità del ministero dell’Interno, si trovava all'interno di una palazzina in campagna insieme a un'altra persona. Aveva due pistole ma i carabinieri del Gis (Gruppo di intervento speciale), autori del blitz, non gli hanno dato il tempo di reagire.

Gerlandino Messina, era ricercato dal 1999 per associzione mafiosa e diversi omicidi. Dopo l’arresto di Giuseppe Falsone, il 25 giugno scorso, a soli 38 anni era diventato il nuovo capo provinciale di Cosa nostra ad Agrigento. E’ ritenuto un killer spietato: le sentenze lo descrivono sempre armato, anche di mitra, e guardato a vista da una scorta. Dal 2 febbraio 2001 erano state diramate le ricerche in campo internazionale.
Appartiene alla famiglia dei Messina di Porto Empedocle, un nucleo di antica tradizione mafiosa. Il padre Giuseppe venne ammazzato nel 1986 durante la guerra di mafia contro gli stiddari e anche lo zio Antonino fece la stessa fine. Fu Falsone a volerlo come suo vice, nonostante la resistenza feroce dei clan rivali. Il territorio, infatti, per anni è stato dominio incontrastato del boss Luigi Putrone, capo della famiglia locale, e i Messina dovettero farsi indietro. Ma con gli arresti dell’inchiesta Akragas del 1998 e 1999, che aveva decapitato i vertici locali della malavita organizzata, diversi boss furono costretti a darsi alla latitanza. Tra questi anche Putrone. Così mentre questi scappava dall’Italia nel marzo del 1998 Gerlandino Messina e suo zio Giuseppe tornano a Porto Empedocle, entrambi da latitanti.

La lista dei latitanti - Con l'arresto di Messina si riducono a 16 i latitanti "di massima pericolosità" inseriti nel programma speciale di ricerca della direzione centrale della polizia. L'elenco è passato dai 30 nomi del 2008 ai 14 di oggi. Tra gli arresti degli ultimi due anni spiccano quelli di Giovanni Nicchi (mafia), Giovanni Strangio ('ndrangheta), Salvatore Russo (camorra).
Tra i 16 superlatitanti ancora da catturare, il più noto è il boss di Cosa Nostra Matteo Messina Denaro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • delpiero71

    25 Ottobre 2010 - 15:03

    ego1, se vuoi trovare qualche idiozia rilegga il suo commento!!! Il fatto che i latitanti vengono catturati 1, 2, 3 o 10 anni dopo l'emissione del mandato di cattura non significa che durante quegli anni di latitanza magistratura e forze dell'ordine si siano grattati la pancia, ma molto più semplicemente che le indagini che portano all'individuazione e cattura di un latitante non è come giocare a briscola che in 30 minuti hai finito la partita. C'è gente, e parecchia anche, che durante quelle indagini ci lascia la pelle!!! Mi dia retta, si faccia visitare da un professionista di igiene mentale: ne ha un gran bisogno!!!

    Report

    Rispondi

  • delpiero71

    25 Ottobre 2010 - 15:03

    ego1, prova a leggerti la finanziaria e vedi che migliore organizzazione delle forze dell'ordine è stata predisposta da questo governo: tagli, tagli e ancora tagli...non ci sono nemmeno le auto per uscire fuori!!! Si faccia un giro sul sito del siulp e faccia un favore alla sua intelligenza!!! Per non parlare poi di come viene trattata la magistratura da questo governo!!! I mandati di cattura vengono emessi dall'autorità giudiziaria e non importa se sono stati emessi un anno, due anni, o quindici anni fa, sempre di autorità giudiziaria parliamo e mai di ministro dell'interno o di questo o quel governo....e nella fattispecie non si dimentichi che quello attuale reputa Mangano un eroe e non perde occasione per ripetere che la mafia non esiste: dovrebbe provare vergogna e non cercare di giustificarli e attribuirgli meriti che assolutamente non hanno!!!

    Report

    Rispondi

  • petergreci

    25 Ottobre 2010 - 13:01

    Gentile Marcoenrico, visto che sa tutto, per caso questo Messina è parente di tal Vittorio Mangano?? Quel Mangano ora defunto che si è portato nell'aldilà una dote di tre ergastoli per omicidi di stampo mafioso...non si sa mai!!

    Report

    Rispondi

  • fernandorisi

    25 Ottobre 2010 - 12:12

    Spero di sbagliare, ma nel 2008 mi sembra di aver fatto Roma-Lamezia con questa persona...???..

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog