Cerca

"E' albanese": ridotto risarcimento per operaio morto sul lavoro

Sentenza del Tribunale di Torino: familiari ricevono una somma dieci volte inferiore rispetto a quella prevista per gli italiani

"E' albanese": ridotto risarcimento per operaio morto sul lavoro
E' una sentenza destinata a diventare un caso nazionale. Un operaio albanese è morto sul lavoro, e il giudice civile di Torino ha dovuto predisporre un risarcimento ai familiari. Solo che l'entità del risarcimento è di dieci volte inferiore rispetto a quello che sarebbe stato emanato se l'operaio fosse stato italiano. I familiari di un nostro connazionale morto sul lavoro avrebbero guadagnato tra i 150 e i 300 mila euro, i congiunti dell'albanese si devono accontentare di soli 32 mila euro. Questo perchè i due genitori della vittima avrebbero ricevuto "un ingiustificato arricchimento" rispetto al tenore di vita che possono mantenere nella propria nazione.

La sentenza del giudice civile del Tribunale di Torino Ombretta Salvati, richiamatasi a una sentenza della Cassazione di dieci anni fa, tiene conto del "reale valore del denaro dell'economia del Paese ove risiedono i danneggiati". Quindi in Albania, dove la vita è meno cara dell'Italia, 300mila euro avrebbero rappresentato un vero e proprio capitale. All'operaio morto è stato addebitato anche un 20% di concorso di colpa nella propria morte.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dubhe2003

    27 Ottobre 2010 - 23:11

    Le Tavole Biometriche-Tavole Demografiche che vengono applicate in caso di risarcimento per qualsiasi danno subito,hanno avuto inizio sin dai primi anni del 1900.Ogni tanto vengono aggiornate per riportarle giustamente allo standard di vita del momento.Dette Tavole si trovano raccolte in qualsiasi volume di Matematica Finanziaria Attuariale.Preciso anche che i rimborsi così calcolati,si applicano per i danneggiati e/o agli aventi causa del decuius in base a dove risiedono,quindi il risarcimento è necessariamente variabile,più o meno,oltre che alle notevoli variabili come già detto nell'altro post,anche al tipo di tenore di vita della nazionalità appartenuta.Come principio è ineccepibile;poi sicuramente,in base alla propria condizione,ognuno di noi ha un valore a sè stante.Ciò sotto il Profilo Umano risulta iniquo.

    Report

    Rispondi

  • il cantastorie

    27 Ottobre 2010 - 16:04

    le leggi egregio signore, ci sono, e sono state fatte da chi governa, non mi interessa sapere il periodo dell'approvazione, quello che non sopporto di una buona parte di magistrati, è l'interpretazione che danno per creare certi reati, eclatante l'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa, non esiste in nessuna legge. Nel caso in questione, non si concede il risarcimento di due o trecentomila euro, perchè i parenti della vittima, sostanzialmente vengono considerati dalla ns. giustizia dei quasi miserabili, e quindi sarebbe stato per loro un ingiustificato arricchimento! Le leggi caro signore, quando sono ingiuste, vanno criticate e cambiate, sia che siano state fatte da destra,sinistra e centro, concludo convinto di poter dire che sulla giustizia è molto deleterio essere tifosi. Mi stia bene

    Report

    Rispondi

  • nuvola grigia

    26 Ottobre 2010 - 14:02

    Voglio ricordarle, che semmai quello che va cambiato sono "le leggi" le leggi le fa il parlamento, quindi i politici che abbiamo eletto!!! Il potere Giudiziario, o meglio come diciamo comunemente " la giustizia", ha il dovere di far applicare le leggi!!! Quindi in questo caso è "la LEGGE" che va eventualmente cambiata!!! ma questa è responsabilità di che ci governa. Le ricordo anche che negli ultimi 10 anni, 7 ANNI siamo stati nelle mani del centro destra. Quindi criticare le Leggi equivale a criticare il centro destra. La riforma della GIUstizia che vuol fare Berlusconi non riguarda LE LEGGI!!! ma vuole semplicemente ottenere che i giudici non siano indipendenti. Quindi renderà la giustizia schiava della politica!!!!

    Report

    Rispondi

  • pietro1971

    26 Ottobre 2010 - 10:10

    mi vergogno per questo, ma se e' vero che ci sono delle tabelle su cui un giudice fa i conti, bisogna cambiare quella tabella, cmq e' una vergogna..........

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog