Cerca

Bufera su "Famiglia Cristiana", Capezzone: "Partecipa all'aggressione mediatica"

Bondi: "Superati i limiti della correttezza professionale". Di Pietro potrebbe presentare una mozione di sfiducia

Bufera su "Famiglia Cristiana", Capezzone: "Partecipa all'aggressione mediatica"
Sta scatenando enormi polemiche il durissimo articolo di "Famiglia Cristiana" in cui si afferma che Berlusconi è "malato e incontrollabile". Il riferimento del settimanale cattolico è, ovviamente, al caso di Ruby e delle feste nell'abitazione privata del Premier. Secondo Daniele Capezzone, portavoce del Popolo della Libertà, "leggendo l’intervento odierno di 'Famiglia cristiana', c'è da rimanere allibiti e addolorati. E’ ovviamente legittimo criticare un Governo, un Premier, ed eventualmente non condividere gli stili di vita dell’una o dell’altra personalità pubblica. Ma dovrebbe esserci una differenza netta tra la critica legittima e l’insulto, la violenza verbale, la criminalizzazione morale. Si deve purtroppo concludere - prosegue Capezzone - che, in un momento in cui già tanti gettano benzina sul fuoco anche 'Famiglia Cristian'a intende partecipare all’aggressione selvaggia in corso contro Silvio Berlusconi come politico e come persona. Forse qualcuno lo ha dimenticato o lo ignora, ma presentare come 'malato' un avversario politico o un dissenziente era abitudine dei peggiori regimi, dei veri e propri incubi della storia del Novecento. Che si riproponga questo metodo - conclude - dà il segno di quanto sia triste questo autunno italiano".

Bondi: "Oltre i limiti della correttezza" - "Mi chiedo se si rendono conto a Famiglia Cristiana di aver superato i limiti della correttezza professionale e della rispettosa prudenza propria dei cattolici, che impone di non trarre conclusioni abnormi e volgarmente offensive come quelle ricavate dal settimanale paolino, sulla base di notizie già smentite e ritenute infondate", ha invece affermato il coordinatore del Pdl e ministro dei Beni Culturali Sandro Bondi.

Di Pietro: "Forse presenteremo una mozione di sfiducia" - In un post pubblicato sul suo blog Antonio Di Pietro, leader dell'Italia dei Valori, scrive: "Non possiamo continuare ad affidare il Paese ad un personaggio degno solo di stare in un’osteria e non a palazzo Chigi. Per questo il governo deve dare chiarimenti sul caso Ruby. Durante il prossimo question time alla Camera, infatti, chiederemo all’esecutivo quello che tutti gli italiani si stanno domandando, ossia se il presidente del Consiglio abbia veramente abusato della sua posizione governativa, telefonando alla Questura e se abbia dichiarato il falso in favore della ragazza. In base alla risposta, decideremo se presentare una mozione di sfiducia nei confronti del capo del governo non ci interessano gli aspetti pruriginosidella vicenda. Ci preme sapere, invece, se siano stati violati i doveri, le funzioni e le prerogative del presidente del Consiglio. Per chiedere le immediate dimissioni del governo Berlusconi basterebbe una fotografia dell’Italia e i dati economici che hanno accompagnato i suoi due ultimi anni di legislatura".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • critico di tutto

    23 Giugno 2011 - 12:12

    ancora non riesco capire come mai famiglia cristiana,la Cei e l'avvenire non la smettono di ficcare il naso nelle faccende non di loro competenza. Perchè non pensano a quello che succede nei loro dicasteri,i panni sporchi si devono lavare in famiglia e la loro lavatrice deve essere molto grande.

    Report

    Rispondi

  • Nonsocrate

    01 Febbraio 2011 - 00:12

    Forse che la Santorite,Travaglite e Garderlite é un diabolico virus che ha colpito anche i giornalisti di Famiglia Cristiana.Perchè non si occupa dei criminali che hanno UCCISO centinaia di famiglie in Campania e altre migliaia di famiglie che soffrono per il cancro a causa del percolato sversato in mare e nel terreno, di questi assassini ? NON sono questi i giornalisti che vogliamo ! Io mi preoccupo della mia famiglia e dei miei concittadini , "questi si preoccupano invece di fare audience e vendere qualche copia in più V E R G O G N A T E V I !

    Report

    Rispondi

  • maurizio52

    02 Novembre 2010 - 12:12

    Che vergogna,un giornale che dovrebbe insegnare la pace insegna l'odio,ma cosa dobbiamo pensare noi cattolici dopo lo scandalo pedofilia della chiesa?Come avremmo dovuto agire?Personalmente vado ancora in chiesa,ma se la chiesa fosse fatta solo da gente che scrive così sarebbe meglio starsene a casa e insultarla.Meno male che vado oltre.

    Report

    Rispondi

  • bisnonna!

    02 Novembre 2010 - 01:01

    Sono anziana, ma non così rimbambita da non capire quello che lei scrive. Certo, lei non si riferiva alle vicessitudini dei preti pedofili, ma alle vicende del premier che io non difendo , come non difendo chiunque, potente o no,approfitti della sua posizione: sia egli premier o sacerdote e via dicendo.L'unica cosa che ribadisco è: non giudico a priori, senza avere la certezza dei fatti perché troppo spesso i processi vengono fatti,non nelle aule giudiziarie, ma sui quotidiani e nelle televisioni. Una cosa non ho capito: perché lei mi cita Mons. Fisichella?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog