Cerca

Sanremo, CdA Rai: "No a brani politici al Festival"

Da Viale Mazzini divieto di eseguire "Bella ciao" e "Giovinezza" all'Ariston. Morandi: "Masi, fidati di noi, siamo equilibrati"

Sanremo, CdA Rai: "No a brani politici al Festival"
Il CdA della Rai chiude la polemica: "No a 'Bella ciao' e a 'Giovenezza' a Sanremo". Ma, stando a quanto si apprende dalle agenzie, il no è esteso a qualunque brano che abbia una spiccata connotazione politica. Si sgonfia così il caso che aveva fatto discutere nel corso degli ultimi giorni. "Non facciamo e non vogliamo fare politica, questi inni sono stati già eseguiti in tv senza ottenere tutto questo polverone - ha detto Gianni Morandi - Alla Rai dico: fidatevi di noi, siamo equilibrati e lavoreremo nel rispetto del direttore Mauro Masi che ci ha lasciato lavorare autonomamente. La musica non può far arrabbiare nessuno". Il CdA, oltre al suddetto divieto, ha chiesto alla direzione di Raiuno di affrontare l’organizzazione della serata festivaliera per i 150 anni dell’Unità d’Italia con la serietà e tutti i crismi che una simile serata richiede. C'è inoltre l'invito ad evitare annunci che possano solo diventare "casi mediativi" che non sono compatibili con le linee editoriali che servizio pubblico deve avere anche nelle trasmissioni di intrattenimento.

Il caso - La notizia dell'esecuzione di "Bella ciao" sul palco dell'Ariston era stata data da Gianni Morandi a margine di un incontro con dei giornalisti. Il cantante dichiarava che una delle serate del Festival, in programma dal 15 al 19 febbraio, sarà interamente dedicata ai 150 anni dell'Unità d'Italia, con i quattordici artisti in gara chiamati a interpretare canzoni che ripercorrono la storia nazionale: "Nella serata-evento di giovedì 17 febbraio ogni artista, oltre al proprio brano in gara inedito - aveva spiegato il direttore artistico del Festival Gianmarco Mazzi - ne proporrà uno edito tra quelli che hanno fatto da colonna sonora a momenti storici italiani importanti". Poi Morandi aveva auspicato di poter sentire i quattordici artisti in gara cantare "Bella ciao".

"Voglio essere autonomo" - Le frasi del cantautore avevano dato il via a una valanga di proteste. Al che l'artista di Monghidoro - intervenendo su diverse emittenti radio - aveva cercato di gettare acqua sul fuoco concentrandosi sull'Inno d'Italia: "Mi piacerebbe poter aprire la serata del giovedì con il Canto degli Italiani, che è il nostro inno, l’inno di Mameli", ha detto ai microfoni dell'"Alfonso Signorini Show", su Radio Monte Carlo. Sulle frequenze di Radio 105, invece, ha affermato: "Mi piacerebbero anche la 'Canzone del Piave' o 'Addio Lugano Bella' che era la canzone degli anarchici. E - conclude - non credo che canzoni di più di cento anni fa dovrebbero farci paura". A Radio24, invece, il prossimo conduttore della kermesse canora ha affermato: "Io e Mazzi rivendichiamo l’autonomia artistica nella scelta delle canzoni della serata del giovedì".

Polemiche politiche - Il direttore era anche ritornato sulla questione del brano partigiano: "Il significato è artistico e non politico. Se vogliamo cantare canzoni della nostra storia non dobbiamo aver paura di cosa rappresentano ma dobbiamo tener conto dell'importanza artistica che hanno avuto e che hanno. Il pubblico decreterà il vincitore di questa serata-evento". 

Canalis e Rodriguez - Gianni Morandi aveva concluso il suo discorso parlando delle due bellezze che lo affiancheranno all'Ariston: "Prima di salire sul palco, anche se hanno già avuto esperienze in varietà cinema e fiction, si devono preparare - dice il neo presentatore - oltre a presentare, vogliono cantare e ballare. Insieme cercheremo di farle venire fuori come artiste e non solo come belle ragazze".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gicchio38

    05 Novembre 2010 - 10:10

    POVERO FESTIVAL: SIAMO ARRIVATI VERAMENTE ALLA FRUTTA. QUESTO SARA' L'ULTIMO PAGLIACCETTO CHE DOVRA' INTRATTENERE IL PUBBLICO AFFEZIONATO ALLA MANIFESTAZIONE NON CERTAMENTE A UN POVERACCIO CHE CERCA DI RIEVOCARE EVENTI CHE NON HA NEANCHE VISSUTO. PER TANTI ANNI HO AVUTO UNA STIMA PER QUESTO CANTANTE CHE HA SEMPRE DIMOSTRATO, ALMENO IN APPARENZA, UNA INGENUITA' DA FARE TENEREZZA. NON IMMAGINAVO CHE ERA ANCHE UN EMERITO COGLIONE CHE SI E' FATTO INFLUENZARE FINO A DICHIARARE QUELLA STRONZATA CHE AVREBBE SPACCATA L'ITALIA, FACENDO RIEMERGERE BRUTTURE CHE STAVAMO PER DIMENTICARE. NON VEDRO' IL FESTIVAL PER NON VEDERE QUELLA SPECIE DI CAGNOLINO SENZA SPINA DORSALE.

    Report

    Rispondi

  • morakino

    05 Novembre 2010 - 00:12

    Ma si ,ricantiamo Faccetta nera ,ritorniamo in guerra ,rifacciamo radere al suolo la nazione,così poi tornano i partigiani al canto di Bella ciao e ci riliberano dai fascisti....ma noi non ci saremo.

    Report

    Rispondi

  • ralegot

    04 Novembre 2010 - 19:07

    mi sei sempre stato anche simpatico, ma non venderti per fare ascolti, sanremo e' di tutti dx o sx, a venesia se dise "fare el cuaton col cueo dei altri". Fai felice Porta a porta, Matrix,ecc.se no dopo avetrana biri non hanno piu' un caz..da dire P.S.. ma dopo morgan anche belen????.Come siamo caduti in basso.

    Report

    Rispondi

  • aquila azzurra

    04 Novembre 2010 - 18:06

    per un solo giorno almeno, uno solo, che questa stramaledetta rai ci consenta di assistere tranquilli a qualche spettacolo senza propinarci la solita faccia di c... rossa? non solo paghiamo una tangente disgustosa , quanto poi stanno continuamente a rivoltarci gli zebedei

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog