Cerca

Sarah, il giallo della telefonata

Un anonimo chiamò il 118 per denunciare la presenza del "corpo nudo di una ragazza" in campagna tra Nardò e Avetrana

Sarah, il giallo della telefonata
Mentre a Taranto e Avetrana proseguono le indagini sulla morte di Sarah Scazzi, un nuovo misterioso dettaglio getta ancora ombre sul giallo. A rivelarlo è il Quotidiano di Taranto. Il 31 agosto scorso, a quattro giorni dalla presunta scomparsa della 15enne, una telefonata anonima sarebbe giunta al 118. "C'è il corpo nudo di una ragazza", diceva qualcuno all'altro capo del telefono, denunciando la presenza di un cadavere fra le sterpaglie, in una zona di campagna tra Nardò e Avetrana. In quella zona si trova il podere dello zio reo confesso Michele Misseri, quel podere in cui è stato trovato, sommerso dall'acqua di un pozzo, il corpo senza vita di Sarah.

La registrazione della telefonata, che il responsabile del 118 di Taranto aveva già segnalato ai carabinieri all’epoca, è stata consegnata alla procura ed è finita negli atti delle indagini. Allo stato  - precisa il quotidiano locale - non è chiaro se la chiamata fosse stata presa sul serio dagli investigatori tarantini né è possibile accertare se avesse qualche fondamento.

Intanto sono cominciati da circa un’ora gli interrogatori degli abitanti di via Deledda da parte degli investigatori e del sostituto procuratore Mariano Buccoliero alla caserma dei carabinieri di Avetrana. Mariangela Spagnoletti, una delle testimoni che inchioderebbe Sabrina Misseri, effettuerà un sopralluogo con la Buccoliero per le strade della cittadina pugliese.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • numetutelare

    25 Febbraio 2011 - 13:01

    Tutto tornerebbe... la versione che sta prendendo piede é che Sarah sia stata nascosta e in un secondo tempo sepolta nel pozzo... quindi quella famiglia nonb poteva non sapere. Certi sms non si scrivono per scherzo...e se una moglie dice al marito che gli ha salvato le chiappe dicendo che era con lei, che serve d'altro per procedere. Non siamo uno stato di diritto ma di minchioni...che però spreca risorse incredibili per sapere artatamente cosa succede nelle mutande private altrui!!!

    Report

    Rispondi

  • roda41

    04 Novembre 2010 - 20:08

    in chi conduce le indagini e la mia sfiducia è suffragata da quello constatato di persona nelle caserme,pur avendo subito una aggressione con segni evidenti.Ho sfiducia 'nell'interesse neccessario,nella conduzione, nel peso,dato alle cose e nemmeno esiti con morti,fanno approfondire?Poveri noi. benedetto Iddio,non si trova una ragazza in più minorenne,ci si può sprecare verificare ? tanto più che non credo c'era da perlustrare l'Aspromonte!

    Report

    Rispondi

blog