Cerca

Milano, esplosione in azienda chimica: 7 feriti gravi

Si tratta della Eureco di Paderno Dugnano. Chiuso tratto della Milano-Meda. "L'esplosione ha fatto tremare i muri di casa"

Milano, esplosione in azienda chimica: 7 feriti gravi
Sono disperate le condizione delle sette persone rimaste gravemente ustionate nell'esplosione avvenuta in nell'azienda chimica Eureco Srl European Ecology International di Paderno Dugnano, nella provincia nord di Milano. Lo scoppio, che ha coinvolto circa dieci persone, è avvenuto poco prima delle 15. La notizia viene rilanciata dall'Azienda regionale emergenza urgenza (Areu), secondo cui il 118 ha inviato sul posto diversi mezzi di base, almeno una decina, due automediche e due elicotteri. Ci sono volute 13 squadre dei vigili del fuoco per spegnere l'incendio.
I feriti sono stati subito ricoverati in diversi ospedali di Milano: il Niguarda, il San Carlo, il San Paolo, il Fatebenefratelli e il San Raffaele. Uno è stato portato al San Gerardo di Monza. L'uomo ricoverato al Fatebenefratelli ha ustioni di secondo e terzo grado in tutto il corpo. Ha 30 anni ed è straniero. Uno degli operai è stato trasferito al Centro Grandi Ustionati di Torino per lo stato critico delle sue condizioni di salute. Altri sei sarebbero rimasti ustionati in modo lieve. Ancora da accertare la dinamica dell'incidente.
"Non è accettabile che si possa ancora rischiare la vita sul lavoro - avverte il vicepresidente del Consiglio regionale, Filippo Penati - si torni a investire sulla sicurezza". Penati poi si rivolge agli uomini coinvolti: "Desidero esprimere ai lavoratori della Eureco di Paderno Dugnano la mia più sentita vicinanza e l'augurio di una pronta guarigione". Solidarietà è stata espressa dal governatore della Lombardia, Roberto Formigoni.

L'esplosione ha interessato l'area della Eureco Srl a Palazzolo Milanese, nei pressi di Paderno, in Via Mazzini. L'incendio provocato dallo scoppio è stato domato dopo circa due ore, ma dall'impianto continua a levarsi un'altissima colonna di fumo nero. La ditta si occupa di smaltimento di rifiuti industriali e speciali. Uan testimone, Angela Bonsanti, ha parlato di uno scoppio "fortissimo che ha fatto tremare i muri, seguito da altri meno intensi". La donna ha sentito il boato da casa, un edificio vicino alla fabbrica Eureco. "Sono scesa in  cantina armata di bastone perchè pensavo che qualcuno fosse entrato nella mia casa e quando ho visto fumo nero e le sirene delle ambulanze mi sono precipitata fuori'. La 'colonna nera' era ben visibile anche dai comuni vicini. Un tratto della vicina superstrada Milano-Meda è stato chiuso al traffico per la presenza di bombole di acetilene nei pressi della recinzione dello stabilimento, attaccato alla strada.
I residenti hanno raccontato che già a luglio era successo un episodio simile: alcuni conteiner presero fuoco nel cortile durante la notte. Non c'erano state vittime nè feriti.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Ricafede

    05 Novembre 2010 - 11:11

    Ghe pensi mi!

    Report

    Rispondi

  • MAD

    05 Novembre 2010 - 08:08

    Volevo ricordare che qua al nord la classe dirigente fa schifo nè più nè meno come le altre, votate e lo prendete nel culo, sempre lì a frignare dando la colpa a Roma ladrona, in Veneto la Regione ha tagliato i fondi per la prevenzione delle alluvioni ( 15 milioni ) e poi chiede a ROMA LADRONA 100 milioni di euro per l'emergenza dell'alluvione, m ispiace ma da Lombardo dico cazzi vostri la prossima volta votate meglio invece di chi lucra con la vostra sicurezza, forse da questo esempio potrete imparare qualcosa. Eh, sì questa è la Padania che lavora, ma andate a quel paese, sono di Brescia e ne ho piene le palle dei leghisti e delle loro insulse chiacchere da bar, usate il cervello invece di credere ai politici, che sono per definizione i maestri delle menzogne.

    Report

    Rispondi

  • MAD

    05 Novembre 2010 - 07:07

    La Lombardia è farcita di rifiuti delle ecomafie, la mano della n'drangheta è ovunque da almeno 20 anni, dove non ci sono le ecomafie arrivano i versamenti e le discariche fuorilegge di alcune aziende. Montichiari, il paese dove abito in provincia di Brescia è la città d'Europa con più discariche. Milano e Brescia sono inquinatissime, in quelle città le prospettive di salute e vita si abbassano, alla faccia dei prezzi degli immobili, sempre altissimi, ci sono migliaia di appartamenti ed uffici sfitti e nonostante questo continuano a costruire e a cementificare, i nostri maministratori si arricchiscono sulla nostra salute e sul nostro territorio e noi, coglioni, li votiamo e ci facciamo abbindolare dalle loro

    Report

    Rispondi

  • vikinghina

    04 Novembre 2010 - 17:05

    ...perchè nessuno ci dice cosa stiamo respirando?

    Report

    Rispondi

blog