Cerca

Bari: 90 arresti in operazione antimafia. Maroni si complimenta con la Polizia

Azzerati due potenti clan, i Di Cosola e gli Stramaglia. Fermi e perquisizioni in tutta Italia, coinvolti 600 agenti

Bari: 90 arresti in operazione antimafia. Maroni si complimenta con la Polizia
Quasi cento arresti, due clan duramente colpiti. E' questo, in sintesi, il bilancio di una importantissima operazione antimafia - chiamanta "Hinterland" - avvenuta questa mattina dalla squadra mobile di Bari. Le due cosche quasi azzerate sono le famiglie rivali Di Cosola e Stramaglia, che da tempo si fronteggiano per controllare le attività illecite nel capoluogo e nella provincia. Gli arresti, insieme a numerose perquisizioni, sono avvenuti in tutta Italia: oltre a Bari, anche a Milano, Novara, Udine, Milazzo (vicino Messina), Foggia e Cerignola, in provincia del capoluogo garganico. Nell'operazione sono stati coinvolti almeno 600 agenti di polizia.

I reati contestati a vario titolo sono l'associazione mafiosa, l'associazione finalizzata al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti e numerosi altri reati, alcuni dei quali aggravati dall'aver favorito un'associazione mafiosa. Durante le perquisizioni sono stati sequestrati circa 40 chili di sostanze stupefacenti, numerose pistole e due fucili mitragliatori Kalashnikov.

Oltre al boss Antonio Di Cosola (già detenuto), il provvedimento restrittivo è stato notificato ai due capiclan della famiglia Stramaglia, ossia Michele Stramaglia (figlio del boss Michelangelo, ucciso in un agguato nel 2009) e Giuseppe Barbetta.
Tra gli episodi che hanno fatto scattare questa grossa indagine ci sarebbero numerosi omicidi compiuti per ottenere il controllo sul traffico di droga non esclusivamente nella provincia di Bari.
I 92 arresti sono stati autorizzati dal gip del tribunale di Bari Giuseppe De Benedictis, che ha accolto le richieste dei pm inquirenti della Dda Desirè Digeronimo, Elisabetta Pugliese e Francesca Romana Pirrelli.

Il ministro degli Interni Roberto Maroni ha telefonato al capo della Polizia Antonio Manganelli per complimentarsi in seguito all'operazione. Secondo il Ministro quella di oggi è stata "una delle più imponenti che sia mai stata condotta in Puglia ed è il risultato dell’ottimo lavoro che sta facendo il Tavolo tecnico di coordinamento delle Forze di Polizia delle province di Bari e Foggia".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blues188

    06 Novembre 2010 - 11:11

    Come agisca Maroni è intuibile con un po' di buon senso. Al ministro non si chiede di indagare lui stesso, com'è ovvio,ma spetta a lui coordinare e soprattutto facilitare e agevolare le indagini che la Polizia e i servitori onesti dello Stato pongono in atto. Si chieda come mai solo da quando c'è Maroni si ottengono questi risultati. Prima? Prima venivano catturati solo i ladri di mele o di galline, mentre mai si pestavano i calli alle mafie. Qualcosa vorrà pur dire, a me pare. Si aggiunga che a differenza dei precedenti ministri, Maroni non ha mai avuto favori particolari dalla mafia e associati vari, perché la sua origine settentrionale l'ha tenuto distante da certe nefaste logiche, diversamente ciò non è applicabile ai ministri meridionali che bene o male, poco o tanto, con la mafia hanno avuto a che fare. E al di là di ciò finalmente Maroni compie il dovere precipuo di ministro e questo già basterebbe, mentre precedentemente mai (MAI) è capitato di vedere tanta pulizia e efficienza. Neppure da Pisanu, che è legato strettamente alla massoneria. E molti mafiosi sono massoni.

    Report

    Rispondi

  • MAD

    05 Novembre 2010 - 14:02

    Scusi Blues ma potrebbe dirmi il merito di Maroni e il suo ruolo nelle indagini, nella coordinazione della procura di bari e nel sudore che gronda della polizia? No perchè ripetete tutti questa tiritera, io pertanto sono andato ad informarmi sui compiti e ruoli del ministro degli interni e a parte fare i complimenti a chi ha lavorato e fatto il suo dovere in altro modo non ha nessun ruolo in queste operazioni, come del resto nemmeno negli arresti dell'altro giorno, arresti seguiti a 5 anni di indagini, però se lei è così' informato da sapere cosa ha fatto Maroni sarei lieto che me lo spiegasse...

    Report

    Rispondi

  • blues188

    05 Novembre 2010 - 14:02

    Da sempre i poliziotti, per definizione, sono contro la malavita e la mafia in generale. Ma solo con un ottimo ministro come Maroni si riescono ad avere risultati consistenti e validi. Prima gli altri ministri scaldavano la sedia, abbandonando i più solerti e i più capaci al loro incauto agire per buona volontà e professionalità ontologica. Mi viene in mente il generale Dalla Chiesa, ottimo servitore dello Stato ma lasciato a sé stesso. Quindi mai come in questo caso i complimenti vanno fati ad un ministro come l'attuale che lascerà il segno.

    Report

    Rispondi

  • MAD

    05 Novembre 2010 - 13:01

    ...complimenti alla procura distrettuale Antimafia del capoluogo pugliese, speriamo si muova qualcosa anche per la parlamentare pugliese del Pdl, Elvira Savino, che e' indagata dalla procura antimafia di Bari(la stessa) nell'ambito dell'inchiesta sul clan mafioso Parisi. L'unico cruccio è che per quanti se ne arrestino ce ne sono sempre di più che ne prenderanno il posto, è fondamentale intervenire per tagliare l'ossigeno ed i lterreno di coltura per la malavita se si vuole ridurre ai minimi termini il fenomeno...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog