Cerca

No alla targa per Gabriele Sandri, bufera su Autostrade per l'Italia

Alemanno e Polverini chiedono alla società di autorizzare una scritta nella stazione di servizio in cui morì il tifoso

No alla targa per Gabriele Sandri, bufera su Autostrade per l'Italia
Le 25 mila firme raccolte non sono bastate, Autostrade per l'Italia S.p.A. ha detto no alla targa per Gabriele Sandri nella stazione di servizio Badia Al Pino Est. Il comitato "Mai più 11 novembre", promotore di una petizione popolare dal titolo "Una firma per Gabriele", ha annunciato la fumata nera dell'azienda. La stazione di servizio Badia Al Pino Est, sulla A1 nei pressi di Arezzo, è quella dove perse la vita il tifoso laziale la mattina di domenica 11 novembre 2007. Gabriele Sandri, insieme ad alcuni amici, si stava recando a Milano per assistere al match Inter-Lazio.

Giorgio Sandri, padre del tifoso laziale ucciso da un colpo di pistola partito dall'arma del poliziotto Luigi Spaccarotella, ha affermato: "Vogliono cancellare la verità. Ho avuta la sensazione di un grande imbarazzo da parte dei dirigenti di Autostrade per l’Italia perchè le scuse addotte, e cioè che non si può ricordare tutti i morti per incidenti, è assurda. Gabriele è stato ucciso - ha proseguito - non è stato un incidente stradale. E’ mancato rispetto per tutti coloro che hanno firmato la petizione per la targa. Noi da 3 anni a questa parte abbiamo ricevuto solo pacche sulle spalle, nessuno ha fatto un reale passo in avanti".

L'Anas, secondo papà Giorgio, si era espressa favorevolmente, mentre la società delle autostrade ha optato per il no. "Io spero che Autostrade per l'Italia faccia un passo indietro, chieda scusa, e permetta l'affissione della targa", ha concluso l'uomo, che ha poi lanciato un appello ai politici e alle istituzioni. Appello che è stato raccolto immediatamente dal sindaco di Roma Gianni Alemanno, che ha deciso di scrivere una lettera alla società, e dalla presidente di Regione Renata Polverini, secondo cui quella di Autostrade per l'Italia S.p.A. è una decisione "sbagliata".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ciannosecco

    11 Novembre 2010 - 16:04

    Infatti mi stò occupando di arredare la cucina a tua madre, così ti tengo contento.

    Report

    Rispondi

  • degrel0

    11 Novembre 2010 - 14:02

    ...il loro compagno mi sembra che la soluzione migliore sia di apporre la targa nello stadio che frequentava.

    Report

    Rispondi

  • Enrico6.3

    10 Novembre 2010 - 18:06

    Pur concordando con la decisione della s.p.a. Autostrade, non sono invece d'accordo sul liquidare il tragico avvenimento come incidente. Un incidente è altra cosa. Se quel maledetto pomeriggio il Poliziotto, a quella distanza avesse tenuto in fondina la pistola d'ordinanza, "l'incidente " si evitava. Naturalmente le responsabilità restano dei singoli e non di tutta la P.S.

    Report

    Rispondi

  • mandante

    10 Novembre 2010 - 17:05

    Ha fatto bene Autostrade per l'italia a negare la targa, chi cazzo era Sandri? non era mica un eroe caduto per qualcosa di utile? La targa la facciano a Spaccarotella che ci ha liberati di un soggetto pericoloso

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog