Cerca

Napoli, scoperta una fabbrica di documenti falsi

Arrestate nove persone. Producevano permessi di soggiorno per stranieri, carte di credito e valori bollati

Napoli, scoperta una fabbrica di documenti falsi
Clonavano carte di credito e producevano documenti d'identità e valori bollati falsi. Con l'accusa di associazione a delinquere  finalizzata alla contraffazione di documenti e sigillo di Stato, quattro persone sono state arrestate tra Roma e Pisa e altre cinque a Napoli. Nel capoluogo campano, zona Ponticelli, è stato sequestrato un centro clandestino di produzione di falsi realizzati con apparati informatici e macchine da stampa di alto livello.

Il gruppo criminale agiva in tutta Italia attraverso una rete distributiva capillare. Gestiva un ingente volume d’affari tramite l’apertura di conti correnti bancari, l’accensione di finanziamenti, l’incasso di assegni trafugati o l’indebito utilizzo di carte di credito clonate con documenti falsi (patenti di guida, carte di identità, codici fiscali, tessere sanitarie, permessi di soggiorno per stranieri).

L’operazione condotta dal Comando antifalsificazione monetaria di Roma è stata avviata nel 2007 per contrastare il crescente fenomeno del "furto d’identità" e delle frodi informatiche.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bruno osti

    15 Novembre 2010 - 10:10

    delle aziende del nord che hanno trovato dove scaricare le loro porcherie, risparmiando ed evadendo milioni; dei negozianti anche del nord che comprano tarocchi e li rivendono come veri, risparmiando ed evadendo milioni; degli imprenditori del nord che assumono una valanga di immigrati e non solo, in nero, risparmiando ed evadendo milioni

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    15 Novembre 2010 - 10:10

    a quando la secessione? ci dobbiamo vergognare tutti di appartenere allo stesso Stato che enumera e comprende anche i napoletani. Sono furfanti già dalla nascita, proprio ce l'hanno dentro il marcio. bentornato! a me fanno impressione anche i 250 milioni di euro evasi, alcuni mesi fa, dal comparto pelli del Vicentino e quasi altrettanti da uno dei distretti del Padovano

    Report

    Rispondi

  • mab

    12 Novembre 2010 - 15:03

    Calabresi,Siciliani,Campani,Pugliesi: discariche,fabbriche del falso, eserciti di extracomunitari in nero, documenti falsi, MAFIE ecc..ecc....ecc...... QUESTI SE NE F**TONO ed hanno reso il paese una poltiglia invivibile. Poi ci sono i politici vari che spingono molto per gli aiuti al sud!!! Ma a favore di chi????

    Report

    Rispondi

  • brunello.faraldi

    11 Novembre 2010 - 16:04

    bisogna riconoscere che i napoletani sono effettivamente dei fuorilegge.Più passano gli anni e più peggiorano.La colpa è delle istituzioni, che permette loro di fare quel che gli pare l'importante che sia fuori legge.In moto senza casco,tanto l'ospedale glielo paghiamo noi,in macchina senza cintura .I prefetti quando vengono in liguria vedono tutto a napoli non vedono niente.Spero che il Vesuivio si risvegli e tolga quel cancro da mezzo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog