Cerca

Biotestamento, i registri curati dai comuni non hanno alcun valore legale

Circolare di tre ministeri: "Necessaria però una legge dello Stato". Il plauso del Vaticano. Ricorso di un Municipo di Roma

Biotestamento, i registri curati dai comuni non hanno alcun valore legale
I registri sul biotestamento creati dai Comuni sono privi di ogni efficacia giuridica. L'unico potere che può legiferare in merito, lo stabilisce l'articolo 117 della Costituzione, è lo Stato. E' chiara la circolare dei ministri della Salute (Ferruccio Fazio), del Welfare (Maurizio Sacconi, nella foto) e dell'Interno (Roberto Maroni).

LA CIRCOLARE
- Il testo recita: "Non si rinvengono elementi idonei a ritenere legittime le iniziative volte alla introduzione dei registri per le dichiarazioni anticipate di trattamento. In tale quadro si potrebbe anzi ipotizzare, nel caso in cui si intenda dar comunque corso ad iniziative del genere, un uso distorto di risorse umane e finanziarie, con eventuali possibili responsabilità di chi se ne sia fatto promotore".

I tre ministri passano la palla alle Camere, perché rilevano come "la materia del fine vita rientra nell'esclusiva competenza del legislatore nazionale e non risulta da questi regolata". Che tradotto dal burocratese significa che una legge non c'è, e i Comuni non possono stabilire la linea. Una legge firmata dallo Stato, continua la circolare, però "è particolarmente necessaria perché vengono implicate anche altre materie quali la tutela della salute, della famigla e della privacy", sulle quali, viene ribadito, "il Comune non può certamente agire in assenza di disciplina".

LA CHIESA
- Soddisfatto il Vaticano, che con il cardinale Elio Sgreccia ha commentato: "I ministri hanno fatto bene, i Comuni non hanno infatti alcuna competenza di accogliere liste di biotestamenti finché non c'è una legge".

Per il sottosegretario alla Salute, Eugenia Roccella, i registri comunali che raccolgono le intenzioni sul fine vita sono "una presa in giro dei cittadini". Contenta la Roccella, secondo cui la circolare ministeriale ha proprio il fine "di mettere in guardia le persone" dall'iniziativa.

VOCI CONTRARIE
- Le critiche alla circolare sono arrivate, per prime, dal Partito Democratico. Secondo Margherita Miotto, capogruppo Pd nella commissione Affari sociali di Montecitorio, è strano che "tre ministri e un sottosegretario si siano scomodati per scrivere una circolare priva di fondamento giuridico: non esiste una legge che vieti ai Comuni di raccogliere i testamenti biologici". Secondo la Miotto, "dietro l'iniziativa dei quattro si potrebbe nascondere la cattiva coscienza per i tagli alla sanità".

E' scesa in campo anche Mina Welby, che ha voluto sottolineare come i registri comunali "raccolgono le volontà autografe di un soggetto, e in quanto tali devono essere valide". Secondo la Welby, infatti, "fa fede la firma del soggetto".

Anche Beppino Englaro ha fatto sentire la sua voce. "Se i registri non hanno valore, dicono loro cosa lo abbia, purché la volontà dei cittadini sia rispettata anche nel momento in cui non possono più difendersi e dire esattamente cosa vogliono". Per Englaro, quello che conta "è che ci sia un documento, un registro o la tessera sanitaria, dove siano scritte chiaramente le volontà di un uomo circa il fine vita".

I REGISTRI
in cui vengono raccolti i testamenti biologici, dopo la morte di Eluana Englaro nel marzo 2009, hanno preso rapidamente piede in tutta Italia, in attesa che il Parlamento legiferi sulle dichiarazioni anticipate di trattamento. Tra i Comuni coinvolti nell'iniziativa, quelli di Genova, Pisa, Bologna, Lecco, La Spezia, Gorizia, Firenze e Torino. Anche dove i sindaci sono contari all'iniziativa, come a Roma, alcuni municipi, in totale autonomia, hanno inaugurato un loro registro.

IL RICORSO
- Lo annuncia il X Municipio di Roma, il cui presidente Sandro Medici ha definito la circolare "un atto politico discriminatorio e autocratico, e che contiene un palese errore di natura giuridica, perché alcune amministrazioni locali garantiscono la validità delle dichiarazioni".  Al registro del X Municipio romani sono iscritti circa mille cittadini che, ha spiegato Medici, "sono soprattutto anziani, ma anche giovani e coppie omosessuali".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pi.bo42

    22 Novembre 2010 - 18:06

    Più o meno continuiamo a dire le stesse cose, insisto però che tirare in ballo la sinistra c'entra poco, chi è socialista, come me, può essere tranquillamente di fede Cristiana senza andare contro le proprie idee politiche. La mia critica va a quei politici che usano le parole del Papa per tirare acqua al proprio mulino e questo non accadrebbe se lo Stesso pensasse meno ad una evangelizzazione degli elettori piuttosto che delle coscienze. Saluti.

    Report

    Rispondi

  • giorgino-2

    22 Novembre 2010 - 16:04

    Ancora una volta si tira in ballo la Chiesa.. E' destino dei laici apparentemente. Non c'è dubbio alcuno che in questo momento la Chiesa sia schierata politicamente con l'asse Casini - Bindi e ciò nonostante la Sinistra accusa il Governo di essere appiattito sulle posizioni della Chiesa, alla faccia della coerenza, della logica e della verità. Su un unico tema, il testamento biologico di cui ai registri comunali, Governo e Chiesa concordano e, ripeto, IO NON SONO D'ACCORDO con loro. Su tutti gli altri temi, primo fra tutti l'immigrazione clandestina, Governo e Lega sono quotidianamente sotto attacco da parte della CEI, dei giornali cattolici, delle gerarchie e delle organizzazioni cattoliche. Ciò può essere anche condivisibile, ma è innegabile. Quanto alla vita privata del Cavaliere, la Chiesa e la Bindi si fanno quotidianamente eco nei giudizi: l'accoglienza degli immigrati irregolari pare infatti non si estenda a Ruby. Non capisco tuttavia perché sia infamante pensarla come la Chiesa

    Report

    Rispondi

  • pi.bo42

    22 Novembre 2010 - 11:11

    Lei auspica quello spirito di tolleranza che proprio la Chiesa, con i suoi interventi prettamente politici, disconosce. Cosa c'entrano quelli di sinistra, anzi mi sembre che sia proprio da destra che parte l'appoggio più incondizionato alle parole del Papa, chiaramente per coprire le magagne gravissime di certi suoi personaggi di .....alto profilo. Alla faccia del "girare la frittata"!!

    Report

    Rispondi

  • ubik

    22 Novembre 2010 - 11:11

    Io sono laico e sono contrario all'obbligo del crocifisso nella scuole. Secondo me il crocifisso è un simbolo che chi è credente può indossare, può mettere in casa propria, ma non imporlo a me che sono laico. Se gli italiani sono imbecilli cosa ci posso fare? :)

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog