Cerca

Meredith, inizia il processo appello contro Amanda e Raffaele

Secondo il padre di Sollecito, il ragazzo "è molto fiducioso e potrà far emergere la sua innocenza"

Meredith, inizia il processo appello contro Amanda e Raffaele
Torna sotto i riflettori il caso di Meredith Kercher, la studentessa inglese uccisa a Perugia nel novembre 2007. Domani, nel capoluogo umbro, inizia il processo d'appello contro i due principali imputati per l'omicidio, Raffaele Sollecito e Amanda Knox. E Sollecito, dichiarato colpevole in primo grado insieme alla giovane americana, si è detto convinto che la Corte d'Assise d'appello gli permetterà di dimostrare la sua estraneità all'omicidio. Le parole del giovane, che deve scontare 25 anni di carcere, sono state riportate dal padre Francesco alla vigilia della prima udienza del processo di secondo grado. "Mio figlio è molto fiducioso - ha spiegato Francesco Sollecito - soprattutto alla luce di quanto emerso dalle indagini difensive svolte dai nostri legali, gli avvocati Giulia Bongiorno e Luca Maori. È convinto che i giudici gli permetteranno di far emergere che lui è innocente".

Il medico afferma però che suo figlio Raffaele è molto provato da questi primi tre anni di prigionia: "Quello che sembrava un incubo è diventato una tragedia insostenibile per l'equilibrio psico-fisico di mio figlio. Raffaele riesce a superare tutto ciò con lo studio e con gli impegni che ha in carcere. È però costretto a vivere una realtà non sua. Un conforto eccezionale - ha concluso il signor Sollecito - gli è arrivato da un professore universitario che lo ha aiutato per un esame del corso per la laurea specialistica in informatica e ha preparato una relazione sul computer di mio figlio (quello sul quale il giovane aveva detto di avere lavorato mentre la Kercher veniva uccisa, ndr)".
La prima udienza del processo di secondo grado si preannuncia meramente tecnica. Ma domani, in Aula, dovrebbero esserci sia Raffaele che Amanda, che si rivedranno per la prima volta dopo mesi. Entrambi si proclamano innocenti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Al-dente

    12 Dicembre 2010 - 11:11

    Quei due ragazzi sono innocenti. Di prove vere non c'è nemmeno l'ombra, solo voci malevoli basate sul un loro ipotetico carattere. Se basatasse il carattere o quello che sembra a mandare in galera ci dovremmo finire tutti quanti! Il vero colpevole è sicuramente il livoriano Guedè magari con il suo amico fuggito all'estero. Moventi contro Sollecito non ci sono, l'unica cosa che sono riusciti a IMMAGINARE è la classica subornazione ai voleri "dell'arpia" Amanda e una presunta orgia mai comprovata sia nei fatti che nei normali comportamenti tenuti dai due ragazzi. Se per mandare in galera una persona è sufficiente orchestrare una simile massa di bugffonate allora sarebbe meglio tornare all'ordalia e al giudizio di Dio.

    Report

    Rispondi

  • roda41

    23 Novembre 2010 - 18:06

    questi altri 2 esemplari a vanto e onore dell'Italia e dell'America!

    Report

    Rispondi

  • feltroni

    23 Novembre 2010 - 16:04

    Ha proprio la faccia di uno di quei promotori della libertà arruolati dalla ministra del turismo con le autoreggenti sempre in primo piano. La tipica faccia di quelli che di giorno ti dicono come amare, fare i figli e lavorare, e poi di notte tagliano la gola al chi non gioca a bungabunga con loro, i papponi del popolo.

    Report

    Rispondi

  • feltroni

    23 Novembre 2010 - 15:03

    Non ti invidio proprio. Non perchè pensi che tu sia colpevole, ma per il fatto che so già, chi prenderà le tue difese in questo blog. E ti assicuro, Raffaele, non ha portato bene a Brancher e Dell'Utri. Poi adesso è pure clonato, come la pecora dolly... Ma che bellu cafè, solo n'carcere o sann fa...

    Report

    Rispondi

blog