Cerca

Il Vaticano contro la Cina: "Offende il Papa"

Nota contro la nomina di un Vescovo nella provincia dell'Hebei. Denuncia di "pressioni e restrizioni"

Il Vaticano contro la Cina: "Offende il Papa"
Con una nota ufficiale, il Vaticano protesta contro le autorità cinesi. Motivo del contendere, l'ordinazione di un vescovo senza l'approvazione apostolica.

La nota - L'ordinazione di padre Giuseppe Guo Jincai, nella provincia dell'Hebei della Repubblica Popolare, rappresenta per la Chiesa "una dolorosa ferita alla comunione ecclesiale e una grave violazione della disciplina cattolica". Il Papa, continua la nota, "ha appreso la notizia con profondo rammarico".

La Santa Sede ha quindi denunciato le "pressioni e restrizioni alla libertà di movimento alle quali sono sottoposti i cattolici cinesi", condizioni che determinano "una grave violazione della libertà di religione e di coscienza".

Offesa al Santo Padre - La pretesa di mettersi al di sopra dei Vescovi e di guidare la vita della comunità ecclesiale, secondo il Vaticano, "non corrisponde alla dottirna cattolica, offende il Santo Pare, la Chiesa in Cina e la Chiesa universale, oltre a rendere più intricate le difficoltà pastorali esistenti".

La nomina -  La nota ricorda poi che "più volte, durante l'anno corrente, la Santa Sede ha comunicato con chiarezza alle Autorità cinesi la propria opposizione all`ordinazione episcopale del Reverendodo Giuseppe Guo Jincai. Nonostante ciò, dette Autorità hanno deciso di procedere unilateralmente, a scapito dell'atmosfera di rispetto, faticosamente creata con la Santa Sede e con la Chiesa cattolica attraverso le recenti ordinazioni episcopali".

Il precedente -
La nota ricorda la lettera ai cattolici cinesi del 2007 con la quale il Papa "ha espresso la disponibilità della Santa Sede a un dialogo rispettoso e costruttivo con le Autorità della Repubblica Popolare Cinese, al fine di superare le difficoltà e normalizzare i rapporti. Nel riaffermare tale disponibilità, la Santa Sede constata con rammarico che le Autorità lasciano alla dirigenza dell'Associazione Patriottica Cattolica Cinese, sotto l'influenza del signor Liu Bainian, assumere atteggiamenti che danneggiano gravemente la Chiesa cattolica e ostacolano detto dialogo".

E' dall’ascesa al potere del Partito comunista che la Cina ha interrotto i rapporti diplomatici con la Santa Sede, e soltanto negli ultimi anni sono stati avviati contatti informali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • isaccoceri

    25 Novembre 2010 - 18:06

    Solo le sue preghiere con quelle di tutte le persone fedeli al Vangelo possono aiutare il popolo Cinese per mezzo di nostro Signor Gesù Cristo.

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    25 Novembre 2010 - 17:05

    La Storia ci insegna che anche nei tempi lontani del passato tempo,ci sono stati grandi poersonaggi che invasero con i propri eserciti molte parti del mondo di allora ma,ben presto, si accorsero che erano forti ma glki mancava quell'aureola civica e filosofica che gli impediva di apparire in tutta la loro immagine. Si inizio a contattare quei Paesi dove imperavano la poesia,le lettere,la musica,la matematuica e le intuizioni esoteriche filosofiche al fine di avere da questi quegli insegnamenti culturali atti a santificarli nelle loro conquiste. Gengis Kan, analfabeta,imparò a saper leggere e scrivere dopo molte conquiste. La Cina, pur avendo fatto molti passi avanti, è carente di quello spirito che soltanto un Gesuita dide a quell'Imperatore del tempo che passò alla storia come persona illuminata. Siatene certi e non scalpitate perchè il tempo Vi darà ragione e molto presto questa classe dirigente capirà di aver bisogno di vedere e capire questo mondo con delle lenti piene di luce.

    Report

    Rispondi

  • blues188

    25 Novembre 2010 - 13:01

    Avevo già mandato due volte le mie scuse, ma non le pubblicano. Ti trovo terribile, ma non antipatico. la frase degli umori era per Brutto Rospo, non per te

    Report

    Rispondi

  • blues188

    25 Novembre 2010 - 10:10

    Ubik sei uno sfascista e dici cose da brivido e non l'ho mai nascosto, ma in fondo sei anche simpatico, forse perché sei un po scemo? :-) Cmq la frase degli umori era rivolta a BRUTTO ROSPO che ti precedeva nei post e che dice cose peggiori di te.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog