Cerca

Roma flagellata dalla pioggia

Donna muore in una galleria

Roma flagellata dalla pioggia
Piogge torrenziali si sono abbattute sulla Capitale per tutta la notte e già si conta la prima vittima: una donna è morta dopo essere rimasta intrappolata in un'automobile sommersa dall'acqua, in un sottopasso a Monterotondo, centro vicino Roma. A recuperare il corpo senza vita della signora sono stati i sommozzatori dei vigili del fuoco, intervenuti dopo una segnalazione giunta alla centrale operativa del comando provinciale. Dalla scorsa notte sono oltre 300 (di cui 150 ancora in corso) gli interventi dei pompieri solo nella Capitale: una cinquantina le persone soccorse e tratte in salvo nella notte in abitazioni e strade allagate, soprattutto nella zona di Trigoria. La situazione è costantementemonitorata da due elicotteri dei Vigili del Fuoco. Stamattina i pompieri sono dovuti intervenire per soccorrere alcune persone bloccate da un allagamento al centro commerciale Roma 2. Sono state inviate a Roma anche sezioni operative dei Vigili del Fuoco di Toscana, Umbria, Campania, e di Marche, Emilia Romagna e Abruzzi con dotazione di mezzi anfibi. Sono inoltre pronte a intervenire le sezioni operative dei Vigili del Fuoco nelle regioni meridionali, sia per attività di soccorso nelle aree di appartenenza sia per agire in regioni limitrofe in caso di necessità.
La protezione civile ha lanciato l'allarme nella capitale completamente paralizzata e invita a non muoversi se non in caso di assoluta necessità; il Dipartimento invita anche, soprattutto nelle strade secondarie della provincia, ad evitare l'attraversamento dei piccoli corsi d'acqua e di fare molta attenzione nelle zone collinari per la possibilità di smottamenti.
L'invito a non usare l'automobile se non in casi indispensabili è stato diffuso anche dal sindaco Gianni Alemanno: "Faccio mio l'invito del prefetto Pecoraro a limitare il più possibile l'utilizzo delle auto private - ha detto Alemanno -. Esorto, quindi, tutti i romani a usare i mezzi di trasporto pubblici per consentire alla Polizia Municipale, alle squadre del Servizio giardini e alla Protezione civile comunale di intervenire, insieme a Vigili del Fuoco e polizia, il più rapidamente possibile per risolvere le situazioni di difficoltà".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • LuigiFassone

    12 Dicembre 2008 - 14:02

    Nella tragedia della povera signora alla periferia di Roma, qualche responsabilità dell'Amministrazione c'è . Perchè se la guidatrice si è infilata nel sottopasso credendo che il livello massimo dell'acqua non arrivasse al fondo vettura,e invece è stata sommersa (ammenocchè le foto viste in TV non siano state scattate dopo parecchie ore e le precipitazioni abbiano fatto salire di molto il livello) , vuol dire che qualcuno (Comune,Provincia o Regione) avrebbe dovuto mettere un divieto di transito . Comunque,un bravo,un bravissimo a tutti coloro (e in altri siti ce ne sono parecchi,direi che sono...la maggioranza) che buttano sempre le tragedie in politica sciocca . Sette più a quelli che godono nel criticare il novello Sindaco di Roma,Alemanno! Chi è certo che con Francesco Palombelli in Rutelli la disgrazia non sarebbe accaduta alzi la prima mano che gli capita a tiro.

    Report

    Rispondi

  • piero1939

    11 Dicembre 2008 - 16:04

    non so se dalle statistiche pluviometriche rigradanti la capitale sono riportate situazioni analoghe. posso pensare che ad intervalli aprossimatamente uguali si possono determinare questi fenomeni. gli ingegneri lo sanno. quindi rifare le fognature stradali come la tecnica comanda. magari si sta acora usando la cloaca romana. per fortuna i romani vedevano molto in la.per il consiglio di alemanno ai romani di usare i mezzi pubblici mi sembra una buona idea. visti i ritardi che portano buona parte anneghera' quindi meno casino poer le strade. sorbole??? come idee non mancano. magari perche' non invocare la calamita' naturale. ce banda ragazzi. mettiamo il personale alitalia in esubero a scavare le nuove fognature. il lavoro non manca.

    Report

    Rispondi

blog