Cerca

Misseri: "Sarah, un gioco pericoloso con Sabrina"

Caso Scazzi, lo zio: "Ne facevano tanti...". Sulle figlie: "Due angioletti, mai picchiate"

Misseri: "Sarah, un gioco pericoloso con Sabrina"
"Un angioletto con cui Sarah faceva giochi pericolosi". Così Michele Misseri, accusato dell'omicidio della 15enne di Avetrana, descrive il rapporto tra la ragazzina e sua figlia Sabrina, l'altra grande accusata della vicenda Scazzi. Sabrina su cui il padre riversa ancora una volta la responsabilità di tutto. Nell'incidente probatorio in corso alla procura di Taranto, l'agricoltore ha ricordato come il 26 agosto scorso, giorno dell'assassinio di Sarah, stava dormendo quando sua figlia Sabrina lo chiamò chiedendogli di scendere nel garage perché aveva combinato un guaio. Lì avrebbe trovato la nipote per terra con una cintura stretta intorno al collo.
Un omicidio che, per zio Michele, potrebbe essere nato da un "gioco pericoloso", uno di quelli che le due cuginette facevano troppo spesso. "Non era la prima volta che giocavano così, che io dicevo sempre che era pericoloso, ma non con la cinta però, con altre cose". "Che giochi pericolosi facevano?", chiede il gip Martino Rosati. "Sempre giochi a cavallo... intendo dire che mettevano la corda e camminavano". Sempre in quel garage dove Sarah era abituata ad andare anche da sola. "Portava il mangiare ai gattini - ricorda Misseri -, la mandava Sabrina e andava".
Sabrina, però, non sarebbe un mostro. "Le mie figlie sono come due angioletti, tutt'e due - la difende Misseri insieme all'altra figlia Valentina -. A me mi vogliono bene, io i miei figli non li ho mai toccati e non ho mai...". "Mai dato le botte?", chiede il gip. "Mai". L'avvocato Galoppa: "Oggi, guardandoti indietro, chiederesti perdono a Sarah per averla occultata e non aver fatto emergere subito la verità?". Misseri risponde: "Certo che l'avrei fatto ...mi facevo perdonare".

Il dietrofront - Resta il dubbio, come domanda il pm Mariano Buccolieri: quando zio Michele "ha preso questa decisione di accusare sua figlia Sabrina dell'omicidio"? "Perché dovevo fare tanti anni se una cosa io non l'ho fatta?", risponde candido l'uomo, in carcere dal 7 ottobre scorso dopo aver ammesso l'omicidio e la violenza sessuale sul cadavere della nipote, poi smentito. Misseri esclude però che la moglie Cosima, sorella della madre d Sarah, potesse essere a conoscenza dei fatti. Il rammarico, per Misseri, è per i familiari: "Sicuramente mia moglie farà il divorzio ed i miei figli non mi potranno vedere mai per tutta la vita".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roda41

    29 Novembre 2010 - 16:04

    cioè queste due dovevano andare al mare e non avevano altro da fare nel frattempo.Ma chissà forse Sabrina grossa e pesante,aveva scelto di andarci a cavallo,facendosi portare da quel cavallo forzuto della mingherlina cugina,neanche accovacciata a trascinarla,ma all'impiedi e così si era afflosciata sulle gambe,strangolata all'istante !!MA PER PIACERE! ma mettessero la galera,pure per le panzane!!

    Report

    Rispondi

  • Dream

    29 Novembre 2010 - 16:04

    secondo me è stato davvero un incidente... l'avevano gia' detto di questi giochi pericolosi.. non si sa quali pero'...ma sicuramente non credo ci sia stata la volonta' di uccidere... poi, è stato tutto un precipitare...forse il padre avrebbe potuto salvare la figlia denunciandola....

    Report

    Rispondi

  • osicran2

    29 Novembre 2010 - 15:03

    Una brutta faccenda che rischia di diventare una telenovela. Se il 26 agosto qualcuno avesse preso una unità cinofila , ma forse anche un cane da caccia, e dopo avergli fatto annusare alcuni indumenti intimi di Sarah, avesse ripercorso il breve tragitto dalla casa materna a quella dello zio Michele, il mistero sarebbe stato presto svelato. Ora, purtroppo, bisogna seguire solo le indagini fatte di intercettazioni ambientali, qualche testimonianza, le rivelazioni a singhiozzo di un personaggio, il Misseri, da prendere con le proverbiali"molle" , ed i continui depistaggi da parte della Sabrina e della mamma Cosima. In questa famiglia è davvero difficile distinguere il peggiore. Se fosse per me li chiuderei tutti e tre in una cella a scornarsi tra di loro e chissà che così non emerga la verità.

    Report

    Rispondi

  • roda41

    29 Novembre 2010 - 15:03

    Spazio e via libera al Nord??

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog