Cerca

Non c'è pace per Bondi, nuovo crollo a Pompei. Il ministro: "No allarmismi"

Si sgretola muro della Casa del Moralista, il soprintendente: "Troppa pioggia, emergenza continua"

22
Non c'è pace per Bondi, nuovo crollo a Pompei. Il ministro: "No allarmismi"
"Niente allarmismi". Così il minitro della Cultura Sandro Bondi ha commentato la notizia del nuovo crollo nel sito archeologico di Pompei,  disastro che si somma a quello avvenuto un mese fa in via Abbondanza. Questa volta a crollare è stato un muro lungo circa sette metri composto di tufo e calcare appartenente alla Casa del Moralista, ma fortunatamente il pezzo che ha ceduto è di minor pregio rispetto a quelli circostanti. Recentemente erano stati eseguiti lavori al terrapieno circostante la domus a causa di notevoli infiltrazioni di acqua.
Luisa Bossa, ex sindaco di Ercolano, confema:  "Questa volta è toccato alla Casa del moralista, situata a 20 metri dall’edificio crollato su Via dell’Abbondanza. Sono caduti sette metri di muro, per fortuna di non grandissimo valore".
In una nota, Bondi replica: "Occorre circostanziare con prudenza l'accaduto ed evitare ogni inutile allarmismo. Il crollo ha riguardato un tratto di mura di cinta in tufo e calcare già crollato nel corso dei pesanti bombardamenti dell'aviazione statunitense nella notte tra il 19 e il 20 settembre 1943 e completamente rifatto all'indomani della guerra. La causa è da attribuirsi alle incessanti piogge di questi giorni che stanno interessando il Meridione e in particolare la Campania".
Difende il ministro  Pierferdinando Casini (Udc): "Non credo che la colpa sia di Bondi se ci sono altri crolli a Pompei, purtroppo è la metafora dell’incuria con cui abbiamo lasciato in Italia i beni culturali".
Preoccupato il soprindentende degli Scavi di Pompei Jeannet Papadopulos: "Viviamo una emergenza continua. Pompei è una città fragile e se continua a piovere così tutti i muri senza copertura sono a rischio. In ogni caso,  quanto accaduto non è paragonabile a situazioni più gravi".


Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • angelo.ally

    01 Dicembre 2010 - 09:09

    Ha ragione il bondi, nessun allarmismo, ora possiamo procedere alla costruzione di tante villette, magari con piscina, possibilmente abusive.... poi tanto si condona !!!!

    Report

    Rispondi

  • gianfr40

    30 Novembre 2010 - 22:10

    I crolli di Pompei non sono certo addebitabili al ministro Bondi il quale tuttavia ha un buon motivo per dimettersi:il fatto di aver sistemato il padre ed il figlio, ma aver lasciato disoccupato lo Spirito Santo !

    Report

    Rispondi

  • peroperi

    30 Novembre 2010 - 22:10

    Era un muro nuovo costruito nel '50.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media