Cerca

Adro, i giudici con la Cgil: "La scuola esponga il tricolore e bandiera Ue"

Il tribunale di Brescia accoglie ricorso sindacato: via i soli delle Alpi. Il sindaco: "Ma in Italia comanda la Cgil?"

Adro, i giudici con la Cgil: "La scuola esponga il tricolore e bandiera Ue"
La scuola di Adro, in provincia di Brescia - famosa per la vicenda dei 700 simboli del Sole delle Alpi che la caratterizzavano e voluti dal sindaco leghista Oscar Lancini - dovrà esporre la bandiera italiana e quella dell'Unione Europea.

A stabilirlo, accogliendo un ricorso presentato dalla Cgil, è stato il Tribunale Civile di Brescia. La stessa corte ha anche ordinato la rimozione "definitiva e a spese del Comune del simbolo partitico".

La risposta del sindaco - "Non avevo dubbi, d’altro canto siamo in Italia. Ormai all’estero siamo visti un pò come la Repubblica delle banane: come dare torto a chi lo pensa?". Usa in parte l'ironia Oscar Lancini, sindaco di Adro, che ommenta così la notizia della sentenza del Tribunale di Brescia che ha definito "discriminatori" gli oltre 700 Soli delle Alpi che l’amministrazione di Adro aveva messo dentro e fuori la scuola elementare intitolata a Gianfranco Miglio.   Dovranno quindi essere rimossi, a carico del Comune, e fuori dalla scuola dovrà essere esposto il tricolore. "Non ne sapevo niente, comunicazioni non mi erano arrivate", dice Lancini, evidentemente arrabbiato. "E ora voglio sapere come mi devo comportare visto che due giudici su casi simili si sono pronunciati con l’archiviazione?".  

Il riferimento è alle vicende di Carrù, nel cuneese, e Civitade al Piano, in provincia di Bergamo. Nel primo caso, nel 2002, il simbolo fu apposto su un monumeto, nel secondo, era il 2009, nella piazza principale del paese. Ma sia in Piemonte che in Lombardia le sentenze si sono chiuse con l’archiviazione "perchè si tratta di simboli celtici".   "Non è possibile che in quei casi ci sia stata l'archiviazione, da noi invece una sentenza diversa", sottolinea Lancini. "Ma io, che faccio l’amministratore, come devo andare avanti? Come devo comportarmi? Se sei fortunato e trovi quello che la pensa come te allora va bene... altrimenti ti trovi ad avere a che fare con sentenze come questa, che io ritengo una opinione". Continua Lancini: "Non è che noi un giorno ci siamo alzati e ci siamo mossi senza sapere della sentenza di Carrù. Mi chiedo: ma in Italia comanda la Cgil o chi è eletto democraticamente?".   Ma il Comune non resterà con le mani in mano: "Sicuramente, se ci sarà la possibilità, faremo ricorso. Tutto questo non è giustificabile".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bruno osti

    02 Dicembre 2010 - 12:12

    quella che viene così definita, è un corpo di fabbrica composto da un piccolo arco di cerchio, ben inferiore nello sviluppo alla forma quasi chiusa di una falce; manca un qualche cosa che ricordi il manico; è intersecata da altro corpo di fabbrica che, con molta fantasia potrebbe ricordare un martello, solo che la "testa" di questo è all'esterno dell'arco e NON all'interno di esso, come nel simbolo del vecchio PC. Il tutto, poi è, rilevabile solo da una foto aerea!-----http://blog.libero.it/Lecasame/9416059.html

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    02 Dicembre 2010 - 11:11

    per quanto riguarda Padova non so ma per Livorno, quella bandiera era stata posta sulla targa, durante l'annuale commemorazione dei fatti del '21, come una qualsiasi corona di fiori sulla targa di un martire, Moro, Falcone Borsellino, un partigiano, ecc. E quella targa è fissata sul retro del palazzo della scuola, su una strada diversa dal suo ingresso; non ha nessuna attinenza con la scuola e verrà rimossa come sempre si fa in questi casi

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    02 Dicembre 2010 - 11:11

    da quello che so io, la Cassazione non entra nel merito del reato, delle prove e della condanna (o assoluzione): controlla, su ricorso, solo se le procedure erano corrette, se sono stati rispettati i diritti dell'imputato, nel caso contrario cassa il procedimento e lo fa ripetere. Di conseguenza, è l'Appello che verifica le prove e sancisce lacondanna o l'assoluzione. Tant'è che non mi risulta, a memoria, che qualche PM sia ricorso in Cassazione contro un'assoluzione in Appello. O mi sbaglio? C'è un esperto che può dare un chiarimento?

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    02 Dicembre 2010 - 08:08

    Forse credo che nessuno di voi abbia visitato o abbia soggiornato nelle nostre zone...In qualsiasi luogo pubblico sono presenti due simboli:il primo,per tutti,e' il Crocifisso...Il secondo è il ritratto dell'Imperatore.Del primo cittadino non vè traccia,e tantomeno nessuno lo nomina.L'impressione generale e quella di una insofferenza allo Stato latente ma molto sentita dai cittadini.I rapporti dei servizi sullo stato dell'unità,sono a dir poco allarmanti.Veneto e Friuli Venezia Giulia sono le regioni in cui il controllo dello Stato è esercitato in maniera discreta ma costante.I fatti del 96,lo testimoniano abbodantemente.Quando furono arrestati gli assaltatori del Campanile,in due ore,dico due ore furono raccolti qualcosa come mezzo milardo delle vecchie lire.Li hanno tenuti dentro pochissimo tempo e poi li hanno dovuti rilasciare in quanto erano piu'pericolosi dentro che fuori....Qua la Lega è al 36%.....Fate voi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog