Cerca

Sandri, Spaccarotella: 9 anni e 4 mesi. Omicidio volontario

Sentenza d'appello per morte del tifoso Lazio. Padre: "Orgoglioso di essere italiano"

Sandri, Spaccarotella: 9 anni e 4 mesi. Omicidio volontario
Condanna a 9 anni e 4 mesi per omicidio volontario. E' questa la sentenza d'Appello per l'agente di polizia Luigi Spaccarotella, ritenuto colpevole dell'omicidio di Gabriele Sandri, il tifoso della Lazio ucciso da un colpo di pistola nell’area di servizio della A1 di Badia al Pino (Arezzo), l’11 novembre 2007. A Firenze era iniziato in mattinata il processo d’Appello, mentre il primo grado si era concluso il 14 luglio 2009 con una condanna a sei anni per omicidio colposo. L’agente di polizia, che questa mattina non si è presentato in aula.

Il Pg Aldo Giubilaro, in mattinata, aveva alzato la richiesta di condanna a 14 anni di reclusione. Era stato il Procuratore aggiunto a chiedere una condanna per omicidio volontario con dolo eventuale e con le attenuanti generiche, con il cambio di imputazione rispetto al primo grado.
La sentenza è arrivata intorno alle 17:30. I giudici si erano chiusi in camera di consiglio pochi minuti dopo le 14:30.

Il commento di Spaccarotella -
E' l'avvocato "Sono affranto ma continuo a sperare": sarebbero queste, secondo quanto riferito dall’avvocato difensore Federico Bagattini, le prime parole dell’agente Luigi Spaccarotella (assente in aula al momento della sentenza) apprendendo la notizia della sua condanna. Il legale, annunciando la sua intenzione di ricorrere in Cassazione, ha affermato: "Adesso leggeremo le motivazioni poi faremo sicuramente ricorso". In precedenza la difesa aveva dichiarato:  "Crediamo che la sentenza di primo grado abbia costituito il punto fermo per l’esclusione dell’omicidio volontario e vogliamo andare avanti sotto il profilo della riduzione della pena, valorizzando la deviazione del proiettile a causa della recinzione metallica" che ha influito "in modo importante, il che certifica la non volontarietà dell’atto e addirittura l’incidentalità non solo della morte ma anche dell’atto, dello sparo", aveva spiegato sempre l'avvocato Federico Bagattini.

Il padre e il fratello di Gabriele -
"E' una giustizia che era dovuta. A differenza di quanto ho detto dopo il primo grado, la decisione dei giudici di oggi mi fa sentire orgoglioso di essere italiano". Così Giorgio Sandri, il padre di "Gabbo", a caldo dopo la sentenza. "Ci aspettiamo che venga ristabilita la verità dei fatti: non omicidio colposo, ma volontario", aveva detto Cristiano Sandri, fratello di Gabriele. "Riconscere il dolo eventuale non è facile, ma secondo noi e secondo la procura l’omicidio di mio fratello è un caso di scuola di omicidio volontario con dolo eventuale", aveva aggiunto il fratello, precisando che la differenza di pena fra il volontario per dolo eventuale e il colposo con colpa cosciente è sostanziale e che "la pena va commisurata alla gravità del fatto".

Gli amici - "È un omaggio a Gabriele, glielo dovevamo", ha detto uno dei suoi amici. "Abbiamo accolto con grande soddisfazione la nuova sentenza che ribalta quella precedente",  ha aggiunto un altro ragazzo che conosceva Sandri.

Soddisfatta la Polverini
- "Anche se non credo riscatti dal dolore è una sentenza forte, ciò che ci aspettavamo". E' quanto ha affermato la presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, a margine dell'incontro in Senato con i gruppi parlamentari che discutevano di manovra e federalismo. Il nuovo capitolo giudiziario del caso Sandri potrebbe continuare e sulla questione Polverini ha sottolineato: "Sinceramente non lo so, ciascuno farà i suoi passi però mi pare che questa sentenza era quella che la famiglia si aspettava".

Così Alemanno - "La decisione della Corte d’Assise d’Appello di Firenze di riconoscere il reato di omicidio volontario per la morte di Gabriele Sandri è una sentenza dolorosa ma che rende giustizia alla famiglia e a tutti coloro che confidano nella legge. Oggi cambia qualcosa in profondità nel rapporto che c'è fra i ragazzi che vanno allo stadio e il mondo della giustizia e soprattutto viene sottolineato che a nessuno è consentito stroncare una vita umana con atti indegni del proprio ruolo". Lo ha dichiarato in una nota il sindaco di Roma, Gianni Alemanno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nicola.guastamacchiatin.it

    02 Dicembre 2010 - 16:04

    Inoltre, un agente in posizione isolata, a meno che non si è in stato di gravi agitazioni, non dovrebbe mai portare un'arma ma solo un manganello, perchè gli agenti, devono portare un'arma solatnto se operanti in sqadre o plotoni con a capo un graduato superiore che si assuma il compito di coordinare le operazioni di polizia. Il poliziotto ha esagerato per eccesso ma, non credo che gli si possa accollare l'omicidio volontario perchè, se ciò fosse,si dovrebbe procedere penalmente contro chi ha gestito tutto il servizio non prevedendo che quanto è accaduto, a un giovane solo in posizione avanzata, poteva accadere. I Magistrati, lavorano a tavolino e non sanno o non capiscono che cosa può provara un giovane agente in condizioni di instabilità caottica di scontri tra tifosi di parti avverse. Prima di svolgere un processo, siccome sono solo loro a giudicare, sarebbe opportuno che facessero, a loro spese, delle esperienze dirette.

    Report

    Rispondi

  • Deliah

    02 Dicembre 2010 - 16:04

    per diventare professore ordinario il concorso non prevede esami, ma solo presentare pubblicazioni, a te sembra giusto? io che ho vissuto quell'ambiente ti confermo che le porcate fatte sono proprio tante. in quanto agli stadio, non hai ben inteso la mia ironia, per risolvere la questione della tifoseria allo stadio, non serve tagliare i fondi alla polizia, i cui stipendi ( e parlo dei semplici poliziotti) sono già da fame. tu andresti per 1.200 euro a prendere botte da una manciata di idioti?

    Report

    Rispondi

  • Deliah

    02 Dicembre 2010 - 15:03

    per UBIK, in quanto alla riforma universitaria, ti consiglierei d'informarti meglio, la riforma non toglie fondi, c'è un articolo prprio su questo sito che affronta i principali punti della riforma. come ho commentato anche lì, io sono stata studente universitaria, ma per due anni sono stata cultrice di materia all'università. e so perfettamente come l'università gestiva prima di questa riforma i fondi statali. cattedre create appositamente per dare posti di prestigio agli amici dei professori (se non parenti) e agli amici degli amici con allacci politici. cattedre ai cui corsi erano iscritti poco più di 10 persone all'anno.che poi diventavano cinque o addirittura due. ricerche e pubblicazioni per utilizzare i contributi di ricerca (che attribuirei più alla ricerca medica) su argomenti fasulli che non interessavano a nessuno. solo per creare punteggi per quei professori che ambivano a diventare ordinari.

    Report

    Rispondi

  • ubik

    02 Dicembre 2010 - 14:02

    Esatto!! Ti sembra normale togliere finanziamenti alla scuola pubblica ma non togliere questi fondi ai poliziotti che fanno servizio d'ordine per delle partite di calcio? Ma chi se ne sbatte del calcio!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog