Cerca

Padova, un consigliere: "I rom mi fanno vomitare"

Su Facebook Vittorio Aliprandi scrive: "Prenderei a calci quello che fa lo storpio in stazione e poi cammina normalmente"

Padova, un consigliere: "I rom mi fanno vomitare"
Aggiornamento dello status di Facebook delle 18 di mercoledì: "Sti rom mi fanno proprio vomitare, quando vedo quello che fa lo storpio e che in stazione cammina normalmente vorrei prenderlo a calci". Sono bastate poche righe per accendere una enorme polemica su Vittorio Aliprandi (nella foto), consigliere comunale di Padova, eletto in una lista civica di centrodestra. Una polemica che si allarga a livello nazionale e che sta pian piano diventando una "bufera" in città. Giovedì mattina lo stesso consigliere, resosi conto del caos che le sue parole avevano scatenato, ha scritto un altro status. Che, però, non è stata né una smentita né una richiesta di scuse. Anzi: "Sempre polemiche ma che palle, ma a uno non possono dar fastidio i rom? Dobbiamo integrarci noi, fargli le case, mantenerli. Questi non vogliono integrarsi - continua il consigliere - rubano come attività principale, fanno figli a nastro. E nessuno di loro vuol lavorare, e noi dobbiamo farci un culo, così pagare tasse assurde. Se vogliono fare i nomadi... che vadano in campeggio come facciamo noi, che si adeguino alle nostre regole".

Diverse persone hanno cliccato su "mi piace" sotto entrambi gli status. Un suo amico ha anche commentato: "Bisognerebbe dargli fuoco senza se e senza ma... se vendessero i lanciafiamme... che scopo hanno gli zingari? Sfrecciare in Bmw ed ammazzare 2 giovani ragazzi come un mese fa?". Come se non bastasse, in alcune occasioni ha pubblicato foto commentando: "Il dubbio è sempre quello, meglio fascista o frocio?".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tigrin della sassetta

    03 Dicembre 2010 - 18:06

    Nel nick name di domdom c’è una svista di battitura: la versione corretta è “condom” (usato con una gentildonna in affitto). Che diavolo d’altro si può rispondere a una gemma della concimaia così rimminchionita da sentenziare come ha fatto alle 18.18 del 2/12 e da aver per giunta l’impudenza di invitare gli altri a pensare? Se poi avesse la compiacenza di smetterla con la macropalla del suo “vive all'estero in un paese civile e multiculturale” (quale sarebbe questo Paese dei miracoli dove gli zingari sono accolti con giubilo e soddisfazione, Shangri La?) farebbe cosa grata alla decenza ed al rispetto del buon senso di chi lo legge. Anima cattiva

    Report

    Rispondi

  • tigrin della sassetta

    03 Dicembre 2010 - 18:06

    Tanti anni fa, per una mia geniale alzata di capa, mi sono ritrovato “senza lavoro, senza casa e senza niente da mangiare” come dici, ma non mi sono comportato come uno zingaro (mi fa schifo anche l’ipocrisia di chiamarli rom): sono andato a chiedere un posto che nessuno voleva e per qualche mese ho fatto l’operaio al livello più basso nel reparto trattamento meccanico – sarebbe la macinatura, la vagliatura e la movimentazione – di una fabbrica di coke, roba che, al confronto, la miniera di fossile è un posticino lindo dove si mangia poca o punta polvere di carbone. Il pasto (uno al dì) della mensa c’era, a fine turno mi lavavo gratis in fabbrica ed ho dormito nel magazzino di un amico fino a quando ho raggranellato un po’ di lira. A questo punto, per coerenza (con le corbellerie kompagnonzo.buoniste che hai scritto il 2/12 alle 16.30) se ti agguanto ti riempio di calci in culo e tu mi ringrazierai con grata deferenza. Anima cattiva

    Report

    Rispondi

  • tigrin della sassetta

    03 Dicembre 2010 - 18:06

    Bravo ammezzato cerca di restare a livello di voglie represse e pensa sempre che se per caso ti facessi venir l’uzzolo di usar davvero un lanciafiamme prima di tutto, rachiticuccio come sei, non ce la faresti a portarlo in spalla, poi non sapresti adoperarlo perché sei un incapace che ciancia ma non sa neppure come sia fatto l’attrezzo in questione ed un imbelle che se la farebbe sotto solo a pigliarlo in mano e, da ultimo, contro chiunque tu volessi impiegarlo, troveresti con matematica certezza chi il lanciafiamme te lo infilerebbe in un battibaleno fra natiche e ti farebbe fare il cane dell’Agip anche se non hai sei zampe. Torna a cuccia, mezza manovella! Anima cattiva

    Report

    Rispondi

  • bma

    03 Dicembre 2010 - 16:04

    Nel tuo paese appena ti vedono arrivare bambini lanciano petali di rose, gli storpi tornano a camminare e i ciechi a vedere... sei tollerantissimo, traspare dai tuoi scritti!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog