Cerca

Giuseppe Di Bella shock: "Versace fu ucciso dalla 'ndrangheta"

La rivelazione contenuta in Metastasi, il libro dei giornalisti di Libero Gianluigi Nuzzi e Claudio Antonelli

Giuseppe Di Bella shock: "Versace fu ucciso dalla 'ndrangheta"
L'anticipazione è di quelle pesanti. Nel 1997 Gianni Versace è stato ucciso dalla 'ndrangheta. La criminalità organizzata era arrivata fino a Miami per far fuori lo stilista. Il movente: debiti. La rivelazione è contenuta in Metastasi, il libro firmato dai giornalisti di Libero Gianluigi Nuzzi (autore del grande successo Vaticano Spa) e da Claudio Antonelli, responsabile della redazione economica.

Le dichiarazioni di Di Bella - La criminalità organizzata calabrese aveva in pugno Versace, forniva droga alla famiglia dello stilista e aveva rapporti un po' con tutti gli imprenditori locali di Milano. Queste le dichiarazioni contenute nel libro rese da Giuseppe Di Bella, definito il "Buscetta della 'ndranghetà", il pentito numero uno dell’organizzazione. La puntata di Striscia la Notizia di giovedì 2 dicembre propone l'audio intervista realizzata da Nuzzi che contiene le frasi-shock.

Secondo Di Bella lo stilista aveva stretti legami in particolare con Paolo De Stefano, il patriarca dell'organizzazione: "Rapporti di amicizia, di aiuti reciproci e finanziari, prestavano i soldi un po` a tutti. De Stefano mi ha detto che, in sostanza, lui aveva Gianni Versace nelle mani: lo gestivano sotto il profilo economico. Loro ce l'avevano in pugno, questo lo so per certo. Avere in pugno, significa fare tutto ciò che uno vuole: questo è un dato certo che non ho mai detto perché‚ nessuno me lo ha mai chiesto". Sempre secondo il teste, poi, "Coco Trovato, che rappresentava la famiglia De Stefano a Milano, forniva la droga alla famiglia Versace".

Retroscena dell'assassinio - Il pentito svela poi alcuni retroscena dell`assassinio di Gianni Versace: "C`è stato un periodo in cui Coco Trovato aveva assunto una posizione di grande rilevanza, quindi aveva un potere economico imponente: è possibile che abbia potuto prestare dei soldi a Versace. Sulla base di questi elementi che sono a mia conoscenza posso immaginare che Gianni Versace sia stato ucciso per un problema di debiti". Infine la conclusione ancor più terribile di Di Bella: "La 'ndrangheta aveva rapporti un po` con tutti gli imprenditori locali di Milano. Gestivano tutto il mondo imprenditoriale a Milano. Era un progetto che coinvolgeva anche Cosa Nostra".

La reazione della famiglia Versace
- La famiglia Versace giudica "false e vergognose" le dichiarazioni del pentito. "Con riferimento alle anticipazioni di stampa circa il contenuto di un libro pubblicato dalla casa editrice Chiarelettere e basato su false e vergognose affermazioni di un membro pentito della 'ndrangheta", si legge in una nota del gruppo, "la famiglia Versace, insieme con la Gianni Versace Spa, diffidano dal riprendere tali affermazioni e si riservano ogni azione legale in sede civile e penale a tutela della reputazione dell’azienda e della memoria di Gianni Versace".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Enrico Maria

    28 Dicembre 2010 - 12:12

    In senso negativo, dò il titolo di "uomo dell'anno" a Gianfranco Fini .

    Report

    Rispondi

  • jerico

    27 Dicembre 2010 - 17:05

    Credo che la 'ndrangheta lo abbia fatto fuori, perchè lo stilista ,molto più semplicemente , si sia rifiutato di fare passare droga nei suoi ambienti. Comunque, onore al genio di Gianni Versace !

    Report

    Rispondi

  • peroperi

    11 Dicembre 2010 - 01:01

    anche un genio della moda ha bisogno di grandi capitali per poter produrre il venduto, per pagare le modelle superstar, per la pubblicita' a livello mondiale, per le sfilate e gli show room. Le banche , all'inizio di carriera , non ti aiutano certamente. Per quanto concerne la morte di Versace, non fu lui a cercare la mafia americana ma il contrario.

    Report

    Rispondi

  • igna08

    10 Dicembre 2010 - 10:10

    Non vorrei che Gianluigi Nuzzi avesse preso un granchio , si perchè mi resta difficile credere Versace, un genio nel campo della moda, immischiato, intruppato con la mafia.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog