Cerca

Appalti: 23 arresti, tra indagati sindaco Peschici

Le accuse: associazione a delinquere finalizzata alla turbativa d’asta, aggiotaggio, falso e corruzione

Appalti: 23 arresti, tra indagati sindaco Peschici

 

Ventitrè persone, tra cui alcuni personaggi di spicco, sono state arrestate a Foggia e provincia. L'accusa, per tutti, è di falso ideologico, corruzione per atti contrari ai doveri di ufficio, turbativa degli incanti. Otto degli indagati rispondono anche di associazione finalizzata alla commissione di delitti contro la pubblica amministrazione. Tra questi figurano Domenico Vecera (nella foto), sindaco del Comune di Peschici, Michele Vecera, assessore ai Lavori pubblici ed Urbanistica, Giovanni Corso, consigliere comunale con delega Caccia, Agricoltura e Pesca, l’architetto Massimo D’Adduzio, responsabile del settore tecnico del Comune e gli imprenditori Francesco Del Buono, Rocco Caputo, Domenico Martella e Giovanni De Nittis. In manette è finito anche il comandante della Polizia municipale di Peschici e Carpino, Vincenzo Losito, accusato di corruzione per atto contrario ai doveri d’ufficio.

L’episodio contestato è relativo all’esito della prova esame per il conseguimento dell’abilitazione all’esercizio venatorio. Il procuratore capo di Lucera Domenico Seccia e il sostituto Alessio Marangelli hanno spiegato nel corso di una conferenza stampa che molti degli appalti del Comune di Peschici sarebbero stati pilotati ricorrendo alla procedura d’urgenza e alla procedura negoziata. Così, ad aggiudicarsi i lavori pubblici erano sempre le stessi ditte.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Bachis Figus

    04 Dicembre 2010 - 17:05

    Ma siate seri e onesti! Come si fà ad incattivirsi contro il PDL quando,nel caso, il sindaco appartiene all' UDC ,partito che ha cercato le firme per far cadere il Governo insieme al PD e IdV? Mi fa veramente schifo che non vogliate ricordare gli arresti del Presidente Del Turco ( PD ) e, appartenenti al vs stesso partito degli " onesti per forza ", quasi tutti i componenti la giunta regionale pugliese del vs sculacciatore Vendola. Mi hanno insegnato che, prima di parlare, sarebbe opportuno contare almeno fino a dieci. UNA VOLTA TANTO ...FATTELO!

    Report

    Rispondi

  • bisnonna!

    04 Dicembre 2010 - 00:12

    Il sindaco appartiene all'Udc e, se è colpevole ( metto il condizionale perchè sono garantista da sempre )é uguale a tutti gli altri disonesti che sono presenti in tutti i partiti.Ed è triste!

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    03 Dicembre 2010 - 21:09

    Citate almeno un non corrotto. Non ce ne sono? Strano! Credevo che almeno uno ci fosse nel PDL. E poi parlano di questione morale invece della morale della questione.

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    03 Dicembre 2010 - 19:07

    "La Lega Nord, che comunque ha condiviso con questi partiti il governo della città di Desio negli ultimi dieci anni, ha cominciato ad avere il dubbio che quanto denunciato più volte dal PD fosse veritiero: le discariche abusive, lo scempio del territorio, gli abusi edilizi, l’uso clientelare dei servizi, quelli sociali in particolare.."

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog