Cerca

Scontri di Roma, grave 15enne colpito con casco

La Procura acquisisce il video dell'aggressione, la vittima è in ospedale. I testimoni: saluti romani e slogan fascisti dopo la violenza / IL VIDEO

Scontri di Roma, grave 15enne colpito con casco
Le violenze del 14 dicembre a Roma non hanno riguardato soltanto i manifestanti e le forze dell'ordine. Un video, che oggi verrà acquisito dalla Procura di Roma, testimonia l'aggressione ad un 15enne ad opera di una altro ragazzo, che lo ha colpito alla testa con un casco integrale. La vittima, Cristiano, è ricoverato in gravi condizioni all’ospedale San Giovanni di Roma con ematoma cerebrale, frattura scomposta del setto nasale e lieve frattura al lobo temporale.

 



Ancora qualche zona d'ombra sulla dinamica della violenza. Tre ragazzi, mentre il corteo sta sfilando nel centro di Roma, si dispongono a mo' di cordone davanti ai blindati della polizia in zona piazza Venezia per evitare che questi vengano aggrediti dai manifestanti. Quando Cristiano lancia qualcosa contro gli agenti ("una mela", ha spiegato, perché "il governo è alla frutta") scatta la reazione di uno dei tre, che corre verso il giovane e lo colpisce violentemente in volto. Secondo alcuni testimoni, dopo che il ragazzo è caduto a terra, l'aggressore avrebbe rivolto un saluto romano e alcuni suoi amici avrebbero insultato Cristiano con slogan fascisti.
La Procura romana non esclude l'apertura di un fascicolo ipotizzando il reato di lesioni volontarie gravi anche se fino a questo momento non sarebbe stata presentata alcuna denuncia da parte del ragazzo o dei suoi familiari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marco.mai

    20 Dicembre 2010 - 11:11

    concordo pienamente con lei. Chi va in manifestazione e si comporta da violento non puo' che aspettarsi violenza di ritorno. Anzi, non riesco neppure a sentirmi in pena per costui, se non in pena per la sua profonda stupidita'. Bene ha fatto il ragazzo che difendeva i blindati, e la reazione non e' e non poteva essere che quella, in una situazione assolutamente incontrollabile. Forse i genitori dovrebbero curare un po' meglio i propri figli invece di lamentarsi, suggerisco sinceramente ai genitori del ragazzo in ospedale di dare una sana razione di duro lavoro al proprio figlio non appena uscira' dall'ospedale. Inutile dire che concordo pienamente con Gasparri.

    Report

    Rispondi

  • Fabry_pd

    20 Dicembre 2010 - 09:09

    Se avete riguardato bene ed attentamente le immagini, quello che è stato scambiato per il cosiddetto "saluto romano" , altro non era che un gesto fatto da uno dei manifestanti in senso di ammonimento al ragazzo a terra (o a chi gli era evidentemente attorno) per dire di andarsene o di starsene in disparte. Anche dall'audio, non si sente alcun coro o inneggiamento o insulto in stile "fascista". Certo è che i sostenitori di questi delinquenti hanno della bella fantasia...per discolpare o distogliere l'attenzione dai fatti, sono immediatamente pronti a puntare l'indice accusatorio e usare il termine "fascista"....ma quanto vi beate e riempite la bocca...vi piace proprio il delirio di onnipotenza che scaturisce dall'adrenalina che vi pompa in corpo quando potete accusare sempre e comunque un "fascista"...tanto vi dà la legge Scelba...

    Report

    Rispondi

  • fabioserra67

    20 Dicembre 2010 - 08:08

    dovrebbe vergognarsi !!!!! deve vergognarsi !!!!!!!!!! ma ha visto le immagini? sono spaventose !!!! lei è spaventoso vorrei che il ragazzo come dice lei " atterrato" con parole idiote, fosse suo figlio...........vediamo come la penserebbe

    Report

    Rispondi

  • blankfrank62

    19 Dicembre 2010 - 19:07

    Non s'è capito cosa volevi dire. Che i giornalisti italiani devono prestare più attenzione ai poliziotti inglesi? Che se picchiano loro devono pichiare anche i nostri? Boh. Di sicuro, in quel paese LIBERO, il giornalismo non è proprietà del governo e quindi è sicuramente più onesto. A proposito, hanno arrestato il FIGLIO di David Gilmour (lui avrà 60 anni suonati), Charlie. Il giornalismo non è il tuo mestiere.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog