Cerca

Yara, ascoltata la madre. Ora si lavora su identikit

Le ricerche proseguono a rilento a causa del maltempo. L'aiuto della Svizzera

Yara, ascoltata la madre. Ora si lavora su identikit
In merito alle ricerche della ragazza scomparsa da quasi un mese da Brembate Sopra non si registrano grandi novità. Le ricerche, infatti, procedono a rilento anche a causa del maltempo che sta colpendo il territorio. Nel frattempo si riascoltano le testimonianze e si cerca di disegnare un identikit.

LA MAMMA AI CARABINIERI
- La madre di Yara Gambirasio è stata sentita ancora una volta martedì
mattina dai carabinieri che indagano sulla scomparsa della ragazza. Maura Panarese era già stata ascoltata ieri e un ulteriore colloquio dovrebbe avvenire a breve in compagnia anche della figlia maggiore Keba, 15 anni. Al centro dei colloqui, alcuni chiarimenti sull'uscita di casa di Yara la sera della scomparsa: si tratta di chiarire se era previsto che la ragazza andasse in palestra oppure se l’uscita fosse stata decisa all’ultimo istante. Una questione sulla quale sono state date versioni contraddittorie.

IDENTIKIT GRAZIE AI TESTIMONI -  Intanto pare che gli investigatori stiano incrociando una serie di descrizioni fornite da vari testimoni. Non ci sono ancora gli elementi di un vero identikit, ma si tratta per il momento di verificare se alcuni dettagli coincidono.

AIUTO DALLA SVIZZERA - Si è avuta in queste ore la conferma che la ricerca di Yara è stata estesa in Svizzera: il sito internet e la pagina Facebook della fondazione SwissMissing dedicata alle persone scomparse hanno pubblicato un annuncio per le ricerche della ragazza "su specifica richiesta delle autorità di polizia italiane".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Silvietta

    29 Dicembre 2010 - 18:06

    Anche ai minorenni come i cani dovrebbero essere inseriti dei micro chip e, volontariamente anche i maggiorenni. Un micro chip che ci permetta infatti, come già vi è stato scritto che ci permetta di avvistare gli spostamenti. Dovrebbe essere inserito in parti difficili da individuare, sotto un tallone ad esempio. Dev'esserci assolutamente un meccanismo che blocchi questo tipo di criminalità. Tanti saluti e Buon Anno a tutti

    Report

    Rispondi

  • Silvietta

    29 Dicembre 2010 - 18:06

    Anche ai minorenni come i cani dovrebbero essere inseriti dei micro chip e, volontariamente anche i maggiorenni. Un micro chip che ci permetta infatti, come già vi è stato scritto che ci permetta di avvistare gli spostamenti. Dovrebbe essere inserito in parti difficili da individuare, sotto un tallone ad esempio. Dev'esserci assolutamente un meccanismo che blocchi questo tipo di criminalità. Tanti saluti e Buon Anno a tutti

    Report

    Rispondi

  • erni70

    23 Dicembre 2010 - 10:10

    mi auguro che possa tornare a casa sana e senza aver troppo sofferto.Mavisto che ogni anno scompaiono centinaia di ragazzi di cui non si sà più nulla,mi chiedo se non sia possibile in qualche modo proteggerli,visto che spendiamo soldi per proteggere le nostre macchine con costosi antifurto satellitari che rivelano la loro posizione.Non sarebbe possibile dare loro qualcosa che ne rilevi gli spostamenti.Capisco che può ledere alcuni principi di prayvacy,ma si potrebbe utilizzare questo strumento solo in caso di necessità e su richiesta dei genitori alle autorità preposte. Ma forse la mia è un utopia

    Report

    Rispondi

blog