Cerca

Cassazione, islamici e italiani

uguali davanti alla legge

Cassazione, islamici e italiani
L'islamico residente nel nostro Paese ha pari doveri dell'italiano e soprattutto è uguale a lui davanti alla legge. Per questo motivo il musulmano che maltratta la moglie deve essere punito con la stessa severità che toccherebbe ad un italiano che usa violenza nei confronti della consorte. La Cassazione (sesta sezione penale, sentenza 46300) ha così  respinto il ricorso di un marocchino di 52 anni residente a Torino che era stato condannato a 2 anni 6 mesi e 20 giorni di reclusione per maltrattamenti in famiglia, violenza sessuale ai danni della moglie e sequestro di persona.
Secondolla Suprema Corte, nei confronti del marocchino non si può applicare alcuno sconto di pena "perché si tratta di un cittadino di religione musulmana". Applicare un diverso trattamento, spiegano i giudici, andrebbe contro i principi costituzionali previsti dall'art. 2 e 3 che salvaguardano i diritti inviolabili dell'uomo e la pari dignità sociale senza distinzione di sesso. L'islamico si era invece  rivolto alla Cassazione proprio perché riteneva la condanna 'illegittima' in quanto inflitta secondo una mentalità tipica "della cultura occidentale" e quindi "viziata da pregiudizio etnocentrico".
Piazza Cavour ha messo in evidenza che "anche per i reati culturali o culturalmente orientati, il giudice non può sottrarsi al suo compito naturale di rendere imparziale giustizia con le norme vigenti assicurando tutela alle vittime, garanzie agli accusati e infine a responsabilità accertata personalizzazione della condanna a prescindere della religione di appartenenza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allengiuliano

    17 Dicembre 2008 - 12:12

    Gli islamici in Italia sicuramente non sono giudicati come gli altri specialmente per i reati contro le donne che per loro valgono la metà se non meno dell'uomo, per loro ci sono le loro coorti e le loro "tradizioni" di convenienza, si sentono prigionieri della cultura europea dato che l'Islam è una parrocchia a parte. Il loro cervello funziona solo in una direzione: odio contro gli infedeli. Quindi tutto quello che non viene dall'Islam è sbagliato. Povera Europa e resto del mondo non musulmano.

    Report

    Rispondi

  • LuciaRosi

    17 Dicembre 2008 - 12:12

    Visto che non accetteno i nostri "usi e costumi", perchè non se ne tornano a casa loro??? Purtroppo, invece, vogliono stare da noi e fare i loro "porci" comodi. Mi chiedo se non un caso che il marocchino si sia rivolto alla Cassazione...!!!

    Report

    Rispondi

  • LuigiFassone

    17 Dicembre 2008 - 12:12

    E ci mancava altro,che cristiani,ebrei,islamici,buddisti e pentecostali fossero trattati diversamente dalle nostre Leggi...

    Report

    Rispondi

blog