Cerca

Tangenti per appalti A3: 10 arresti

Operazione anti-'ndrangheta a Palmi: in manette presunti affiliati Bruzzise, affari d'oro sulla Salerno-Reggio Calabria

Tangenti per appalti A3: 10 arresti
Altra operazione anti-'ndrangheta in Calabria. Questa attina la polizia ha eseguito dieci arresti nei confronti di presunti affiliati alla cosca dei Bruzzise, che opera nella zona di Palmi, nel Reggino. Gli arrestati sono accusati di associazione mafiosa ed estorsione. L'operazione, coordinata dalla Dda di Reggio Calabria, è la prosecuzione di quella denominata "Cosa mia", che nel giugno scorso portò all'arresto di una cinquantina di persone ritenute affiliate ai Bruzzise e ai Gallico. Alla base dell'operazione il sospetto di pesanti tangenti alle imprese che lavoravano nei cantieri per l'ammodernamento dell'autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blues188

    23 Dicembre 2010 - 09:09

    Ce lo domandiamo tutti. E la risposta la sappiamo. Ma dobbiamo far finta che non siano soldi buttati, ma investiti con grande cura ( si può anche ridere a crepapelle, non è vietato). Investimenti che sostanzieranno ulteriormente gli oceani di denaro che al Nord è sono stati sudati parecchio e con fatica, con impegno e con volontà di lavorare onestamente. Ma sono secoli che il Sud è un buco nero. Uno di quelli che assorbe tutto e non fa fuoriuscire nulla.

    Report

    Rispondi

  • giuseppe57

    22 Dicembre 2010 - 11:11

    1: gi arresti sono disposti dalla magistratura. 2: gli arrestati sono innocenti fino alla cassazione, come vale per Cosentino (che non si è potuto arrestare) e Dell'Utri (condannato anche in appello).

    Report

    Rispondi

  • Aries

    22 Dicembre 2010 - 10:10

    Mi domando se la Banca del Sud sia una buona idea.

    Report

    Rispondi

blog