Cerca

Eluana, Sacconi vieta

lo stop all'alimentazione

Eluana, Sacconi vieta
Qualsiasi struttura pubblica e privata sul territorio nazionale non potrà staccare il sondino. Proprio nel giorno in cui un'indiscrezione rivelava il nome della clinica, 'La città di Udine', dove Eluana Englaro, la ragazza in coma vegetativo da quasi 17 anni, potrebbe terminare la sua esistenza, un atto di indirizzo del ministro del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali Maurizio Sacconi potrebbe bloccarne la procedura. "Interrompere nutrizione e idratazione delle persone in stato vegetativo persistente non è legale per le strutture pubbliche e private del servizio sanitario nazionale", sottolinea Sacconi L'atto di fatto renderà illegale per qualsiasi struttura sul territorio nazionale l'adempimento della volontà della famiglia Englaro, e cioè il distacco del sondino che alimenta e idrata Eluana.
L'atto di indirizzo, ha spiegato il ministro del Welfare, si rifà in particolare a precedenti pronunciamenti in merito: sii tratta del parere approvato dal comitato nazionale di bioetica nel settembre 2005 e della Convenzione sui diritti delle persone con disabilità approvata dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 2006. In particolare, nella convenzione Onu si afferma come gli stati debbano "prevenire il rifiuto discriminatorio di assistenza medica o di prestazione di cure e servizi sanitari o di cibo e liquidi in ragione della disabilità".
La posizione assunta da Sacconi non trova certo consenso da parte della curatrice speciale di Eluana, Franca Alessio, che parla della "solita presa di posizione politica". ll legale precisa che si tratta di "un atto di indirizzo" che "non ha una valenza ostativa e in presenza di una sentenza, come nel caso di Eluana Englaro, non dice niente. La pronuncia del giudice che dispone l'interruzione del trattamento che la tiene in vita va eseguita. Non solo: una struttura, che sia pubblica o privata, potrebbe anche essere estranea a un atto di interruzione di trattamento che si effettua al suo interno. Una procedura simile è stata proposta in questi giorni, proprio in relazione al caso Englaro: si mette a disposizione la struttura, ma l'atto materiale di interrompere l'idratazione e alimentazione artificiale non lo esegue il suo personale medico. In questo caso non ci sarebbe alcuna violazione dell'atto di indirizzo". La Alessio è dura nei confronti del ministro: "Io faccio rientrare il provvedimento del Welfare nell'ambito di quelle iniziative volte a dimostrare che si sta facendo qualcosa in extremis per colmare un vuoto legislativo su questi temi, una totale assenza di norme che colloca l'Italia in posizione arretrata rispetto all'Europa".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • enricosecondo

    17 Dicembre 2008 - 16:04

    Che vergogna, se con lo stesso accanimento con cui vietano una sacrosanta libertà, quella dell'individuo che decida come vivere e come morire, fosse fatta nel debellare i vergognosi privilegi e mangerie della casta l'Italia sarebbe un paradiso. Questa non è nè pietà de misericordia, ma ingerenza infame, vergognosa contro una povera sfortunata ragazza e sadica, pervicace, nazista vendetta nei riguardi di quel coraggioso padre che tenta di liberare sua figlia da una non vita.

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    17 Dicembre 2008 - 16:04

    Finchè in Italia ci sarà il Papa con il suo codazzo di vescovoni,non si riuscirà a far passare i tanti diritti civili che ancora languono.Purtroppo la politica è legata ancora a doppio filo con la chiesa,e così le decisioni devono avere il suo placet,più o meno trasparente.

    Report

    Rispondi

  • pidmont

    17 Dicembre 2008 - 14:02

    SCUSANDOMI DEL TU,MA IN VERITA'MI HA STUPITO ED AMAREGGIATO LA TU POSIZIONE COSI' IN GIUSTA, ILLIBERALE IRRISPETTOSA DELLA VOLONTA' DELLA FAMIGLIA DI ELUANA E DELLA DECISIONE DELLA MAGISTRATURA,MA SOPRATTUTTO IN NETTA ANTITESI CN I PRINCIPI DI UN SOCIALISMO LIBERTARIO E LIBERALE DA TE SOSTENUTO.RAMMENTA QUANTO AVEVA AFFERMATO RICCARDO LOMBARDI SU CIO' CHE SIGNIFICA ESSERE SOCIALISTA.GRAZIE....

    Report

    Rispondi

  • jack2751

    17 Dicembre 2008 - 14:02

    Mi rammarico che chi ho contribuito ad eleggere si comporti come in questo caso ed in quello della RU386.Questi di LIBERALE nonhanno assolutamente niente.Lo Stato è lo Stato ed il Clero è altra cosa.Giovanni Monaci.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog