Cerca

Emergenza rifiuti, l'esercito in azione a Napoli

Intervento alle prime luci del giorno. In campo 12 tra camion e pale meccaniche

Emergenza rifiuti, l'esercito in azione a Napoli
Gli uomini dell'Esercito sono intervenuti nella mattinata di domenica 26 dicembre per ripulire due strade di Napoli dai cumuli di spazzatura che si sono accumulati nei giorni scorsi e durante le feste. Gli interventi sono scattati alle prime luci del giorno e sono stati eseguiti in via Don Bosco e in via Umberto Maddalena.

RIMOSSE 50 TONNELLATE - I militari, coordinati direttamente dal generale Antonio Monaco, capo dell'Unita' operativa, hanno rimosso fino a questo momento circa 50 tonnellate di spazzatura che sono state subito trasferite negli Stir, che oggi hanno ripreso le attivita' dopo la giornata di stop per il Natale. Complessivamente sono stati impegnati 12 mezzi tra camion e pale meccaniche. In azione, come sempre gli uomini del Genio, e quelli della Sanita' militare (che fanno capo al Comando Logistico Sud) che dopo la rimozione provvedono alla bonifica delle aree.

APERTA SOLO CHIAIANO - Domenica, in via straordinaria riaprono per mezza giornata gli "stir", consentendo questa notte di raccogliere 1300-1400, tonnellate nelle stime del Comune di Napoli, e di liberare un ventina di autocompattatori che dalla vigilia di Natale non hanno potuto conferire il carico alla discarica di Chiaiano, unico impianto funzionante in questo week-end festivo, che però, per accordi con i cittadini del quartiere napoletano, non può accogliere più di 800 tonnellate di rifiuti al giorno. Il Comune, inoltre, continua ad invitare i napoletani a non buttare fino a lunedì gli imballaggi, carta e cartone, per non peggiorare gli ingombri in strada; lunedì, con la raccolta ritornata all'ordinario, ci sarà più facilità per smaltirli. Continua a soffocare l'hinterland napoletano, sommerso da diverse migliaia di tonnellate di giacenza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ginovercesi

    27 Giugno 2011 - 08:08

    il Sig Sindaco di Napoli scopre ora che "c'è lo zampino della camorra"...... da sempre a Napoli tutte le istituzioni sanno chi sono i camorristi , dove vivono,come si muovono perchè non li vanno a prendere ? a chi e perchè conviene lasciarli dove sono ? Napoli - e quindi anche l'Italia - è una vergogna ormai a livello mondiale e non si muove nessuno

    Report

    Rispondi

  • pierluigi.scaglia

    26 Giugno 2011 - 20:08

    ...che se la cavi un po' da se il "magistrato" sindaco! I nostri soldati non sono degli spazzini che devono risolvere i problemi di ignoranti "zozzoni". Perchè nel resto d'Italia tutti raccogliamo differenziato e non si vede mai zpazzatura in giro? Perchè: "chi me lo fa fare!" tanto poi ci pensa il Governo ... che imparino a lavarsi la mani da soli!!!

    Report

    Rispondi

  • nottolatre

    21 Giugno 2011 - 22:10

    Gigi, hai voluto la bicicletta? allora pedala e.....lascia stare l'Esercito! ora basta! non si può e non si deve andare avanti cosi....Gigetto 'O guappo è ora che capisca che i miracoli Silvio non può farli a ripetizione. I Napoletani imparino ,visto che la Jervolino e Bassolino non sono bastati,a badarsi da soli e a non continuare a gettare per la strada tutto quello che passa per la loro testa.

    Report

    Rispondi

  • FERRPAO3054

    08 Gennaio 2011 - 14:02

    MENTRE L'ESERCITO PULISCE LE STRADE GLI SPAZZINI ANZICHE' DAR MAN FORTE SI METTONO IN MALATTIA - COMPLIMENTI NAPOLI - COMPLIMENTI NAPOLETANI - IL VOSTRO SENSO CIVICO LA DICE LUNGA - JERVOLINO COSA DIRE DI LEI IL NORD DEVE AIUTARE IL SUD CON QUESTI ESEMPI - DIRE VERGOGNA E' DIRE POCO

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog