Cerca

Contro Battisti puntano il dito anche i suoi ex compagni: "L'ho visto uccidere"

Le testimonianze di chi ha militato nei Pac. Continua la campagna di Libero per ottenere l'estradizione

Contro Battisti puntano il dito anche i suoi ex compagni: "L'ho visto uccidere"
Contro Cesare Battisti puntano il dito anche i suoi ex compagni. Certo, non è una novità, ma è importante che tornino a farlo nei giorni che hanno seguito la mancata estradizione del terrorista rosso, a cui il Brasile continua a riconoscere lo status di rifugiato politico. Intanto, dopo le proteste di martedì 4 gennaio, continua la campagna di Libero per ottenere l'estradizione dell'omicida condannato all'ergastolo. ADERISCI ALLA CAMPAGNA

"IL PIU' FURBO DI TUTTI" - "Penso che Battisti sia stato il più furbo di tutti. Lui non era un personaggio del livello di Renato Curcio e neppure di Valerio Morucci, ma ha fregato tutti e ora probabilmente si godrà la vita senza avere mai pagato per le sue colpe". Questo il tranciate commento di Pietro Mutti, 56 anni, ex compagno di Battisti nei Pac, i Proletari armati per il comunismo. Mutti è l'uomo che trent'anni fa guidava il commando che fece evadere il terrorista conteso fra Italia e Brasile. E oggi racconta a Panorama quegli anni in un'intervista pubblicata sul numero in edicola da venerdì 7 gennaio di cui il settimanale ha fornito un'anticipazione.

"L'HO VISTO UCCIDERE COI MIEI OCCHI" - Mutti è stato uno dei fondatori dei Pac, poi si è pentito ed ha deciso di collaborare con la giustizia: le sue dichiarazioni hanno contribuito a far condannare Battisti per quattro omicidi. "L'ho visto con i miei occhi uccidere il maresciallo Antonio Santoro quella mattina a Udine", racconta Mutti. "Battisti ed Enrica Migliorati (una studentessa, anche lei membro dei Pac, ndr) stavano abbracciati come due fidanzati davanti alla casa di Santoro. Quando il maresciallo è uscito, Battisti gli ha sparato da dietro. Non ho dubbi. Fu lui a sparare, a scegliere il bersaglio con Arrigo Cavallina (entrambi avevano conosciuto Santoro in carcere, ndr), a fare i sopralluoghi, a portare via le armi in treno dopo l'agguato". Mutti sostiene che Battisti sia stato anche l'autore materiale del delitto dell'agente Andrea Campagna. "Lo confermo", dice Mutti, "il suo ruolo me lo confidò lui stesso".

"NESSUN PERICOLO FISICO" - Non sono "fondati" né "motivati" i supposti "pericoli fisici" che, a detta dell'ex presidente del Brasile Lula, Cesare Battisti correrebbe se venisse estradato in Italia. Lo afferma Italo Ormanni, consulente giuridico sulla vicenda del del ministro della Giustizia Angelino Alfano. Ormanni auspica che il nuovo presidente del Brasile, Dilma Rousseff, ritorni sulla decisione del suo predecessore: d'altronde, ricorda il magistrato fino al mese scorso a capo della Direzione degli affari giudiziari di Via Arenula, "durante la sua campagna elettorale la Rouseff disse che se fosse stata eletta il suo primo provvedimento sarebbe stato quello di dare esecuzione alla sentenza del Supremo Tribunal Federal e, quindi, di estradare Battisti. Deve contraddire se stessa?".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lallo1045

    07 Gennaio 2011 - 14:02

    cON LUI IN CARCERE DOVREBBERO TROVAR POSTO ANCHE QUEGLI INTELLETTUALOISI SINISTRORSI CHE TANTO LO ACCALMANO. SONO COMPLICI DI QUEL CRIMINALE PER LA PERVICACIA CON CUI LO DIFENDONO. ERGO DIFENDONO LA CRIMINALITÁ.

    Report

    Rispondi

  • stagnino

    06 Gennaio 2011 - 14:02

    Caso Battisti. Perchè la nostra magistratura prima lo ha aiutato a scappare e poi gli ha fatto il processo?

    Report

    Rispondi

  • mab

    06 Gennaio 2011 - 14:02

    Questo assassino dovrebbe essere rinchiuso nei "piombi" a vita. Dopodichè,tutti si augurano, si possa proseguire con la giustizia divina.

    Report

    Rispondi

  • erre_bi

    06 Gennaio 2011 - 13:01

    Da usare tutte le forze necessarie per far rientrare questo delinquente che finora si è preso gioco di tutti gli Italiani. Ideologisti del passato che si oppongono a questa necessità sono da condannare a tutti gli effetti. Il Governo Italiano deve far rispettare la propria autorità contro chi si oppone dal brasile, in ogni modo possibile!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog